24.5 C
Napoli
venerdì 12 Agosto 2022

600 persone in piazza Marconi per le proposte di Salvatore Illiano

-

BACOLI- Una grande serata quella di ieri, 7 aprile 2017. Piazza Marconi gremita di persone curiose di venire a conoscenza del programma tanto atteso di Salvatore Illiano. L’emozione tangibile dei rappresentanti delle 6 liste ha reso genuino l’incontro arrivando alle persone ancor prima delle parole.

Gente semplice, ma con grandi competenze, che si è messa in gioco esponendo con grande chiarezza le motivazioni che hanno portato le loro idee ad incontrarsi con quelle di Illiano.Proposte coincise a partire dalle periferie per le quali Salvatore Illiano dedicherà, se dovesse vincere, un assessorato alle Periferie detenendo egli stesso la delega. Periferie lasciate a se stesse a partire da Cuma che deve divenire “città dello sport” attraverso il recupero del campo della pista di pattinaggio e attività sportive nel lago Fusaro; Miseno e Miliscola il “ “Polo del tempo libero e della vivibilità” recuperando la tranquillità, sicurezza, il decoro, regolamentando l’attività delle attività balneari e dei locali che svolgono attività notturna, sperimentando ZTL parziali, sempre in accordo con operatori e residenti, con i quali verranno stipulati protocolli d’intesa. Altro punto fondamentale è il diritto al mare. Nel Piano di Utilizzo Aree Demaniali sarà garantito, per ogni ambito, almeno il 20% di spiagge libere come previsto nel regolamento e nell’attesa della scadenza riguardo le concessioni vigenti, verrà chiesto agli attuali concessionari di cedere piccole porzioni di spiaggia per costituire già da ora porzioni decenti di spiaggia libera. La formula della spiaggia libera attrezzata, gestita direttamente dal Comune o da associazioni per conto del Comune, con priorità ai comitati di quartiere formati dai residenti, che garantiranno la manutenzione e la libera fruizione, con agevolazioni per i residenti. E sarà assicurata la gratuità per le fasce deboli: anziani over 65, diversamente abili e indigenti. Il primo atto della giunta sarà l’istituzione di un Tavolo per il Traffico che oltre l’amministrazione comunale veda la presenza delle altre forze di sicurezza e degli operatori. E sul termine “legalità” Illiano non ha lesinato asserendo che questo non è un termine da sventolare come una bandiera, ma va applicato in ogni sua forma e non solo menzionato in campagna elettorale. A tal proposito il riferimento ai beni confiscati, affidandoli a cooperative di giovani che qui devono creare lavoro. <<Questo è il vero schiaffo da dare alla camorra>>! Il “Polo della cultura”, nel Parco Vanvitelliano, creando un attrattore che garantirà un indotto alle attività del Fusaro. Teatro, musica, cinema ed eventi nella sala Ostrichina. Polo del turismo archeologico per Baia con investimenti nell’area cantieristica, dove sorgeranno alberghi, residence e villaggi, i primi a dover beneficiare delle opportunità di lavoro che nasceranno devono essere i lavoratori licenziati nei cantieri. Piscina Mirabilis che possa avanzare la candidatura come patrimonio mondiale dell’UNESCO. Faro acceso sulla scuola: indire il Consiglio Comunale dei ragazzi, via le cedole librarie e i buoni pasto per la mensa in forma cartacea. Pulizia e arredo urbano (guardando anche a Cappella e Torregaveta) si promuoveranno con il coinvolgimento di cittadini, associazioni e imprese, attraverso il potenziamento di strumenti amministrativi come “Adotta una strada” e il “Baratto amministrativo”. L’adozione del PUC – Piano Urbanistico Comunale è una delle nostre priorità. Con l’avvio del PUC si sblocca l’edilizia, uno dei motori dell’economia locale. Da quel momento, mano ferma contro l’abusivismo, da oggi in poi chi costruirà abusivamente quando sarà possibile farlo regolarmente, dovrà pagare. Riprendere in mano il centro storico di Bacoli che tornerà a rivivere grazie ad un piano di rilancio concertato con i privati; il lago Miseno, che fino a qualche anno fa era Maremorto, renderlo un attrattore, un fattore di sviluppo. E mettere insieme ristoratori e agricoltori, con l’intento di elevare ancora di più il livello di qualità della nostra ristorazione promuovendo l’utilizzo di prodotti che abbiamo solo noi. E perché no, il prodotto nostrano come clausola nel bando per la refezione scolastica.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x