BACOLI – La rete dei Comuni Free fa quadrato attorno al suo fondatore Josi Della Ragione, sindaco di Bacoli, per il tentativo messo in campo, da gruppi di persone di voler far cadere l’amministrazione comunale, attraverso l’utilizzo di denaro.

Il fatto è accaduto durante la videoconferenza di una Commissione consiliare laddove è stata registrata inavvertitamente una conversazione privata tra un imprenditore edile del posto e uno dei Consiglieri di maggioranza (appartenente al gruppo “Diamo a Bacoli”), non avendo quest’ultimo disattivato i propri altoparlanti. Nel corso della conversazione tra i due, udita in assemblea di Commissione, si sente inequivocabilmente la voce per via telematica dell’imprenditore chiedere al Consigliere in questione a quanto debba ammontare la somma da corrispondere in denaro per “cacciare” il sindaco.
Un fatto gravissimo che farebbe presagire una compravendita di Consiglieri con lo scopo di influenzare le decisioni assunte nell’organo di Consiglio comunale minando alla base la stabilità dell’Amministrazione guidata dal giovane sindaco.

“A Josi, all’amico, ancor prima che al sindaco e al fondatore della rete dei Comuni Free, esprimiamo la nostra più sentita solidarietà per lo sconcertante accaduto”: dichiara Danilo Cascone coordinatore regionale del movimento politico Free, nato sul modello di FreeBacoli. “Chi tenta – prosegue l’ex Consigliere metropolitano – in maniera maldestra di far cadere Josi, dopo tutto l’impegno che quotidianamente mette da anni per il rilancio del territorio, ne risponderà non solo alla comunità bacolese ma a tutti coloro che guardano a lui come un modello di amministrazione e di riscatto per il nostro territorio. Tanto più se si tenta di utilizzare mezzi per nulla leciti su cui ci auguriamo venga presto fatta chiarezza.”

Un appello accorato sottoscritto dai referenti della rete territoriale dei Comuni Free che oggi conta numerose adesioni.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments