SOMMA VESUVIANA – “Ben 500 sono stati i cittadini che su base volontaria, in sole 4 ore, si sono sottoposti al controllo dei parametri cardio – vascolari e siamo dinanzi ad un risultato importante. E’ emerso che il 70% rientra purtroppo in una percentuale di rischio ictus o infarto tra il livello 3 ed il livello 5 che è il massimo, dunque percentuali di rischio medio e medio – alto”. Lo ha dichiarato dott.ssa Gilda Pagano, specialista in Medicina Interna e Malattie del Metabolismo, esperta di Nutrizione Clinica, direttrice del Progetto “Città della Salute” patrocinato dal Comune di Somma Vesuviana.

Al via la Città della Salute con controlli preventivi, passeggiate metaboliche, attivazione della Scuola dell’Alimentazione Condivisa, stile alimentare basato sul consumo di prodotti locali.

“E’ la prima volta in Italia. E’ il primo progetto con questa tipologia di intervento, soprattutto riguardante l’obesità, che si applica su scala nazionale. Ad esempio le persone parteciperanno a delle passeggiate metaboliche. Insegneremo la passeggiata metabolica – ha proseguito Gilda Pagano – cioè la corretta metodologia di passeggiata per riuscire a perdere il grasso addominale. Non sempre la passeggiata riesce ad ottenere questo scopo. Per poter fare in modo che la passeggiata diventi finalizzata alla perdita del grasso corporeo bisogna adottare delle specifiche tecniche che noi insegneremo durante il cammino che avverrà in aperta campagna”.

Il via oggi con le attività di controllo, poi arriveranno le passeggiate metaboliche!

“Con questi controlli, effettuati su base volontaria, è’ partita oggi a Somma Vesuviana la “Città della Salute” per sensibilizzare la popolazione su tutti i più importanti fattori di rischio cardio – vascolari che vanno assolutamente tenuti sotto controllo come per esempio la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, la saturimetria di ossigeno, il peso, la circonferenza ombelicale, l’indice di massa corporeo, la glicemia – ha proseguito la Pagano – il colesterolo, che sono silenti ma qualora non fossero nella norma potrebbero portare a situazioni devastanti come ictus e infarto che sono diffusi nella popolazione italiana. Nasce così il progetto Rinascere, molto articolato e che si chiama Rinascere e non perdita di peso o metabolismo o correzione dei fattori rischio. Deve essere invece una vera e propria rinascita della persona che deve imparare lo stile di vita corretto per poter evitare queste patologie che sono così diffuse. All’interno del progetto nasce anche “La Scuola di Alimentazione Consapevole” perché vogliamo fornire al pubblico gli strumenti necessari per imparare a gestire consapevolmente la propria alimentazione, al fine di trovare un giusto equilibrio psico – emotivo nel rapporto con il cibo insieme ad uno stato di salute e benessere generale che possano entrambi perdurare a lungo nel tempo. La Scuola ad iscrizioni gratuite vedrà ben 10 lezioni dedicate a 10 temi come: sana e corretta alimentazione; fabbisogno energetico e come gestirlo; bilancio energetico e i segnali di “fame” e “appetito”; imparare a leggere le etichette nutrizionali; fake news su falsi miti dell’alimentazione ma anche parleremo dei metodi di cottura, della corretta alimentazione, della sana alimentazione per tutta la famiglia e dunque del mangiare sano, ma non da solo e dell’amarsi”.

“Con oggi è iniziato questo percorso di prevenzione – ha affermato Sergio Terracciano, Amministratore Delegato della Casa di Cura “Santa Maria del Pozzo” – e non si tratta solo di primaria e secondaria. Abbiamo sposato questa iniziativa del Comune di Somma per dare vita ad un cammino che possa portare Somma ad essere Città della Salute basando lo stile alimentare anche sul consumo dei prodotti locali come frutta con guscio, baccalà che contribuiscono alla prevenzione delle malattie cardio – vascolari. In una fase successiva arriveremo a coinvolgere anche la platea scolastica e le istituzioni scolastiche”.

Del Team “Rinascere” fanno parte anche nutrizionisti e psicologi.

Passeggiate metaboliche in aperta campagna per i cittadini.

Ma ecco cosa sono le passeggiate metaboliche lungo sentieri naturalistici!

“La passeggiata metabolica corrisponde ad una durata di 40 – 50 minuti con una frequenza cardiaca che non superi la soglia aerobica – ha affermato Ciro Mele, istruttore del progetto “Rinascere” – e dunque durante la passeggiata che avverrà in aperta campagna, lungo determinati sentieri, espletando alcuni esercizi fisici durante la camminata”.

L’attività di prevenzione si è conclusa da pochi minuti. Siamo dinanzi alle prime tappe.

“Siamo dinanzi ad un percorso formativo e preventivo – ha dichiarato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano – basato sulla produzione agricola locale dal piennolo all’albicocca. Cercheremo di aiutare i nostri cittadini che conduca ad un metabolismo corporeo regolare”.

Poi ci saranno l’alimentazione basata su prodotti locali e il coinvolgimento della platea scolastica.

“Abbiamo voluto questo progetto anche per dare un’idea di città. E’ un progetto a più fasi. Si inizia oggi con la prevenzione sulle malattie cardio – vascolari – ha dichiarato Ciro Cimmino, Assessore alla Salute e alla Pubblica Istruzione del Comune di Somma Vesuviana – poi si proseguirà con la nascita di una filiera dell’alimentazione basata su prodotti locali e la terza fase vedrà invece il coinvolgimento di tutte le scuole di Somma Vesuviana”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments