caivano-parco-verde

CAIVANO – Nel Parco Verde di Caivano sono stati denunciate oltre 400 persone per aver occupato 254 appartamenti di proprietà del Comune. Negli anni non è stato mai pagato alcun fitto e molte utenze erano allacciate illegalmente. La Procura di Napoli Nord, dopo un’inchiesta realizzata da Polizia di Stato (Squadra Mobile di Napoli e Commissariato di Afragola), Carabinieri (Compagnia di Caivano) e Guardia di Finanza (Gruppo di Frattamaggiore), ha chiesto e ottenuto dal tribunale il sequestro preventivo delle unità abitative occupate arbitrariamente, indagando 419 persone, che entro un mese dalla notifica del decreto di sequestro dovranno lasciare gli immobili.

“In tutta la Campania circa una casa popolare su 2 è occupata da chi è senza titolo – dichiara il deputato dell’Alleanza Verdi Sinistra Francesco Emilio Borrelli – e non ha mai neanche partecipato a un bando pubblico per l’assegnazione di alloggi compreso l’ultimo realizzato dalla Regione Campania. Questo perchè per avere diritto a un alloggio popolare devi avere un reddito basso o nullo e non avere rapporti con la criminalità organizzata. Ricordo che quando furono cacciati dalla magistratura e forze dell’ordine gli occupanti abusivi dagli appartamenti di Pizzofalcone di cui si erano impossessati con la forza negli anni nessuno di loro è finito in mezzo alla strada. La gran parte dei soggetti, considerati vicini ai clan, hanno successivamente fittato appartamenti in zona per il valore anche di 2 mila euro di fitto al mese. Se mancano gli alloggi popolari per chi ne ha veramente diritto è perchè troppi li occupano abusivamente, senza titolo, per conto della camorra o anche con situazioni economiche agiate. Nel Parco Verde come altrove chi ha diritto all’alloggio popolare deve fare regolare richiesta ed entrare o essere in una graduatoria, per quanto ci riguarda solo chi ha titolo può vivere in questi alloggi pubblici. Bene fa la magistratura a perseguire penalmente amministratori pubblici a tutti i livelli che per anni, anche in cambio di voti o anche di soldi, hanno sottaciuto o si sono disinteressati al problema permettendo che il fenomeno si incancrenisse”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments