Carabiniere morto sulla ferrovia a Bellona, parla lo zio: “Desiderava servire lo Stato, una scelta di vita”

    0
    32
    investito treno notte

    NAPOLI – “Assieme alla consigliera di Bellona Celeste Cafaro, saremo promotori dell’intitolazione di una strada o della piazza adiacente al luogo dell’incidente, ad Emanuele Reali. Per ricordare il suo coraggio e il suo fortissimo senso del dovere, che gli ha tolto la vita ma ha insegnato molto a tutti” dichiarano il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli che questa mattina ha parlato in diretta su Radio Marte al programma “La Radiazza” con la consigliera Celeste Cafaro dove è intervenuto anche lo zio del carabiniere, Piero.

    “Emanuele sin da ragazzo desiderava diventare carabiniere, lo è diventato, ha legato molto con la terra campana, quello che ha fatto è semplicemente una scelta di vita che hanno condiviso anche altri della famiglia e per cui si è sacrificato” dichiara lo zio del carabiniere alla “Radiazza”.

    “Non è possibile giudicare le scelte del giudice in merito al rilascio di uno dei protagonisti della vicenda, di soli 22 anni, il cui ruolo era di fare “il palo”. Le rispettiamo, ma personalmente mi sento di dire di non condividerle. Sicuramente la priorità ora è essere vicini al dolore della famiglia e fare tesoro del coraggio di Emanuele. Le istituzioni si muovano per ricordare un fedele servitore dello Stato” continuano Borrelli e Simioli.

    Domani è previsto a Caserta il lutto cittadino.

    Di seguito il link per riascoltare la diretta dalle 10.00 alle 12.00 || intervista allo zio di Emanuele Reali dal minuto 37.32 al 43.20

    https://replay.radiomarte.it/single-episode.php?ide=1&id=6&mp3=LARADIAZZA-181108.mp3&fbclid=IwAR3EhccyIprCZy0-w2ouQMiAzU9p8WKC3-zXMz1yv8N2I2KyT1ZAQrT5_Rw

    Lascia una recensione

      Subscribe  
    Notificami