NAPOLI – Ogni vittima nei luoghi di lavoro è uno scandalo, non ci si può abituare che il lavoro, che è fonte di vita, conduca alla morte. Lo ha affermato dal pulpito della chiesa di Santa Maria della Salute don Mimmo Battaglia nel corso dell’omelia ai funerali di Vincenzo Garzillo, una delle vittime dello scoppio della centrale idroelettrica di Suviana.

Una chiesa gremita di parenti e amici. A ricordare la figura dell’ex operaio Enel la figlia di Garzillo, Fara. “Se solo lo avessi saputo – ha detto – ti avrei dato un ultimo abbraccio. Eri il nostro capitano, la nostra guida, il nostro faro, il nostro consigliere, la nostra colonna portante. Hai svolto la tua grande passione, il lavoro, sempre con amore e professionalità”.

All’uscita del feretro commozione nelle parole degli amici che ai nostri microfoni hanno così ricordato Vincenzo Garzillo.

LEGGI ANCHE
https://videoinformazioni.com/

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments