BARBACANE

NAPOLI – “E’ passato un po’ di tempo in più, per le lungaggini burocratiche e perché si è deciso, giustamente, di fare un intervento radicale di messa in sicurezza, ma l’importante è che quegli orrendi barbacane che sostenevano il muro di contenimento del bosco di Capodimonte in via Miano sono stati finalmente abbattuti”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli de La radiazza, che avevano anche organizzato “un polemico Barbacani day in occasione del primo anniversario dalla costruzione di quelle strutture che dovevano essere temporanee e invece sono rimaste lì per mesi, a testimoniare l’inefficienza e l’incapacità di tutelare e valorizzare un bene inestimabile quali sono bosco e museo di Capodimonte”.“Con l’arrivo del nuovo direttore, Bellengher, s’è presa finalmente la strada giusta e ora il risultato tanto atteso sta arrivando visto che, tra pochi giorni, stando a quanto hanno detto i responsabili del cantiere, dovrebbero essere rimosse le transenne che hanno creato anche problemi alla viabilità in quella zona” hanno aggiunto Borrelli e Simioli annunciando “una festa di liberazione dai barbacane il giorno in cui l’area tornerà a essere libera”.“Mercoledì prossimo incontrerò Bellengher per fare il punto della situazione su quanto fatto e su quanto c’è ancora da fare per valorizzare museo e bosco” ha concluso Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments