Whirlpool-protesta-autostrada

NAPOLI – Oltre la crisi, scelte per rilanciare l’industria: è questo lo slogan scelto dalla UILM Campania per il suo prossimo Congresso che si terrà, il 5 ed il 6 aprile , presso laMostra D’Oltremare a Napoli.

“E’ necessario che il Governo e le istituzioni, sulla spinta dei Sindacati, facciano finalmente scelte decise per rilanciare la nostra industria, il nostro manifatturiero, inutile continuare con la propaganda o la demagogia, è necessario passare “dai sogni” ai reali bisogni dei lavoratori e dei nostri cittadini”, è quanto ha affermato Antonello Accurso, segretario generale della UILM Campania, stamattina nel corsodella conferenza stampa che si è tenuta nella storica sede dei metalmeccanici a Sant’Anna alle Paludi. “Il Governo deve avere le idee chiare e fare investimenti mirati, continua Accurso, tutelare le nostre fabbriche, i settori di eccellenza, partendo dall’automotive e dal settore aerospaziale in Campania, ma allo stesso tempo, lanciare e sostenere l’industria 4.0. Così come sono importanti interventi sulla tassazione sul lavoro che va abbassata ed eliminare la disparità tra i salari italiani, che sono di livello basso, e le produzioni italiane che mirano all’eccellenza: dicotomie queste che vanno affrontate, se si vuole rilanciare il mercato interno e puntare ai livelli dell’export che attestano la validità del marchio Italia” Diverse sono le realtà industriali che sul territorio, in questo 2018, attendono di trovare risposte: dalla “G.B.Vico” Pomigliano in attesa di un modello Premium, passando per la Leonardo, Whirlpool e Fincantieri. Infatti, Giovanni Sgambati, presente alla conferenza stampa, ha dichiarato: “non si può ripartire in questo Paese se non si punta sul manifatturiero e sul Mezzogiorno, lo diciamo oramai da tempo. E’ necessario cambiare rotta e fare investimenti seri, solo così si rilancia l’economia del Sud e del resto del Paese”. Un altro dato allarmante mettono in evidenza i sindacalisti ed è quello che riguarda la scadenza a breve degli ammortizzatori sociali, un dramma questo che senza la modifica delle norme in atto e senza una presa di coscienza da parte del Governo vedrà tantissimi lavoratori senza lavoro e senza sostegno al reddito. Il percorso democratico che porta alla UILM Campania al suo decimo congresso vede un’organizzazione consolidata con i suoi ottomila iscritti in Campania e con 140 assemblee di base, 4 assemblee di zona, 700 delegati al congresso di categoria e 250 al congresso regionale della confederazione. Cifre precise che testimoniano la vivacità e la partecipazione democratica dei lavoratori alla vita del Sindacato.

VIDEO

https://www.youtube.com/watch?v=V5zTBqN7h1A

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments