I giorni dei fallimenti e delle chiusure prolungate sembravano essere oramai un lontano ricordo per lo storico parco divertimenti di Napoli, Edenlandia.

E invece, no.

L’amministrazione è ferma nei pagamenti degli stipendi e delle spese ordinarie dopo che il Tribunale di Napoli ha nominato un amministratore giudiziario per effettuare verifiche dopo un’ispezione sui conti richiesta da alcuni soci di minoranza.

Ma l’amministratore giudiziario nominato dal tribunale ha rifiutato per motivi personali e, causa periodo di ferie, la seconda nomina del tribunale non è ancora avvenuta.

Una situazione che ha determinato un blocco nella gestione finanziaria e quindi il pagamento dei lavoratori, che ora sono preoccupati.

A sollevare il caso è lo stesso presidente (al momento sospeso dall’incarico) della New Edenlandia spa, Gianluca Vorzillo, che nel 2018 riaprì Edenlandia dopo anni di chiusura e dovendo fare i conti anche con il lockdown ed altre conseguenze dell’emergenza sanitaria

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments