NAPOLI – Mancano più di due mesi ai falò del cippo di Sant’Antuono ma a Napoli, al centro storico, qualcuno ha già iniziato ad accumulare ed accatastare legname in depositi improvvisati ed abusivi.

”Segnalazione da via San Giovanni in porta. Ragazzini si preparano già per il cippo. Ogni sera aggiungono materiale da poter bruciare, complice la ditta di lavori stradali del comune che finiti i lavori ha lasciato recinzioni e bagno chimico! “- è ciò ha raccontato un cittadino che si è rivolto al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

“Abbiamo segnalato la questione dalla Polizia Municipale richiedendo il sequestro del materiale accatastato. Abbiamo chiesto anche informazioni sul cantiere, se i lavori sono stati ultimati bisogna rimuoverlo per evitare che diventi un deposito illecito ed un ricettacolo di rifiuti.”- ha commentato Borrelli – ”Quest’anno ci aspettiamo misure stringenti per debellare un fenomeno che rappresenta una scuola criminale per i giovanissimi e che porta degrado, caos e disordini per le strade della città.”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments