NAPOLI – “Gentile Deputato Borrelli, le scrivo perché questa mattina mi sono recata al cimitero di Fuorigrotta, per far visita a mio padre, e ho trovato uno scempio. Le tombe erano state vandalizzate. Hanno buttato nella spazzatura le foto dei defunti, i fiori freschi e quelli artificiali, oltre alle immagini sacre. È davvero una cosa vergognosa. Ma è vergognoso lo stato generale di incuria in cui versa tutto il cimitero. Dei tanti ascensori presenti soltanto uno è funzionante e per giunta l’unica in attività funziona soltanto con una chiavetta elettronica da acquistare in direzione al prezzo di 3 euro più 5 euro di ricarica. Ciò significa che un anziano, non avvezzo alla tecnologia, non può avere accesso all’ascensore se non accompagnato da qualcuno. La sporcizia poi regna sovrana. Ragnatele e rifiuti abbandonati la fanno da padrona. Peccato che il cimitero pretenda il pagamento di 35 euro annuali per il “condominio” che dovrebbe includere quindi anche la pulizia”.

“L’appello ricevuto da una cittadina esasperata – ha dichiarato il deputato Francesco Emilio Borrelli – conferma purtroppo quanto tempo denunciamo circa lo stato di incuria e di abbandono dei cimiteri napoletani, tra crolli, incuria e indagini per la gestione malavitosa dei loculi, per non parlare dei parcheggiatori e i venditori ambulanti abusivi che infestano tutte le strade circostanti. Chiediamo che venga fatta chiarezza su quanto appena accaduto a Fuorigrotta. E’ allucinante che anche i cimiteri siano in preda a vandali e criminali di ogni genere, incredibile che non ci sia rispetto neanche per i morti. È necessario un intervento deciso e coordinato per recuperare i cimiteri napoletani, liberarli da criminalità e inciviltà per restituirli ai cittadini con i servizi necessari che una città Europea deve essere in grado di offrire” ha concluso il deputato di Alleanza Verdi-Sinistra.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments