NAPOLI – ‘Spiagge libere dai criminali’ è il nome dell’iniziativa promossa da Europa Verde. Gli esponenti del Sole che Ride, il Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli, e i Consiglieri della Municipalità I Gianni Caselli e Lorenzo Pascucci hanno effettuato ieri un sopralluogo alla spiaggia delle Monache.

“Appena siamo arrivati in spiaggia un gruppo di ragazzini ha subito iniziato ad alzare la voce, ma essendoci le forze dell’ordine e la guardia costiera non hanno fatto altro. Sabato a Marechiaro, dopo il nostro sopralluogo, ci hanno riferito essere scoppiata una nuova rissa sullo “scoglione” e i presenti hanno denunciato che una delle persone coinvolte ha addirittura cacciato fuori una pistola, in mezzo a tantissime persone e bambini. Un episodio gravissimo che ha creato il panico tra i presenti e il conseguente ‘fuggi-fuggi’ generale. L’ennesimo episodio che mette sotto gli occhi di tutti una situazione totalmente fuori controllo. La nostra unica proposta è tolleranza zero contro i delinquenti. Le spiagge devono essere libere per le persone per bene, non per violenti e criminali. Pertanto proponiamo che, così come già accaduto alla Gaiola, chiunque vorrà venire su queste spiagge dovrà esporre il proprio documento, essere registrato e solo dopo raggiungere la spiaggia. In questo modo allontaneremo i criminali e sarà semplice individuare chi commette atti violenti. Durante il sopralluogo abbiamo avuto modo di confrontarci con alcuni giovani che, per la maggior parte, hanno mostrato di apprezzare la nostra proposta, segno che le persone hanno voglia di legalità e sicurezza. La spiaggia delle monache vive un gravissimo problema di sovraffollamento, ogni giorno si sfiorano risse, violenze e tragedie, anche per colpa dell’imbarbarimento della società. Sicuramente con la richiesta di esibire i documenti riusciremo ad attenuare anche il problema dell’affollamento. Oggi con noi era presente anche il consigliere della Municipalità I Carmine De Gregorio che, abitando in zona, è stato addirittura vittima di violente minacce, solo per essersi sopposto al degrado di queste zone. La casa di Carmine è stata presa di mira dai delinquenti che addirittura hanno lanciato pietre contro mura e finestre. Dobbiamo agire in fretta per arrestare questa deriva criminale. L’unico modo è sottrarre i bambini alle famiglie di criminali e camorristi. Solo così è possibile interrompere il ciclo di criminalità che continua a ripetersi indisturbato. Le famiglie criminali, la camorra, si basa sull’addestramento dei figli, che già a 10-11 anni diventano veri e propri baby criminali. Sono proprio questi i ragazzi che oggi stanno seminando il terrore sulle nostre spiagge, come il figlio del boss che solo una settimana fa ha accoltellato un coetaneo, 14enne, con una violenza a dir poco inaudita. La risposta delle istituzioni deve essere ferma e severa, tolleranza zero”. Queste le dichiarazioni degli esponenti di Europa Verde, che hanno partecipato al sopralluogo per l’iniziativa “Spiagge libere dai criminali”, Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regionale, Lorenzo Pascucci e Gianni Caselli, Consiglieri della Municipalità I.

Link al video: https://www.facebook.com/francescoemilio.borrelli/videos/577084153844975

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments