NAPOLI – La terza Corte d’Assise di Napoli ha condannato a 22 anni di reclusione Mario Perrotta, l’ex compagno di Arianna Flagiello, la donna di 33 anni che il 19 agosto 2015, a Napoli, si lanciò dal quarto piano del palazzo dove abitava dopo una lite con Perrotta in presenza della madre di lei.

I giudici hanno ritenuto che la donna si sia uccisa a causa dei maltrattamenti a cui Perrotta la sottoponeva.

Perrotta era anche accusato di istigazione al suicidio, reato che è stato assorbito da quello di morte come conseguenza di maltrattamenti.

I giudici hanno infine assolto l’uomo dal reato di estorsione.

Subito dopo il verdetto Perrotta è stato ammanettato e condotto in carcere.

“La Giustizia ha funzionato, nessuno ci ridarà nostra figlia che oggi era con noi in quest’aula. Ci ha guidati lungo questo difficile percorso.

Riteniamo che la condanna sia stata giusta, Arianna ha sofferto 12 anni a causa di quell’uomo”, hanno commentato Angela e Sebastiano, i genitori di Arianna Flagiello.(ANSA)

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments