SequestroCiottolo3

NAPOLI – “I gestori del Ciottolo se ne infischiano delle regole e impongono le loro leggi in via Marina. I tavolini dove i clienti possono consumare sono stati sistemati illegalmente sulla carreggiata e le auto in sosta, naturalmente in seconda e terza fila, ben oltre lo spazio consentito, delimitano la carreggiata a una sola corsia così da determinare il caos su una strada primaria per l’ingresso in città come abbiamo documentato domenica notte recandoci sul posto di persona. Dopo la battaglia che abbiamo portato avanti l’anno scorso per denunciare tale indecenza, che mi è costata una violenta aggressione con tanto di denunce, i gestori del Ciottolo avevano promesso pubblicamente di cambiare, ma i fatti dimostrano il contrario. Ma non ci arrendiamo, non intendiamo piegarci alle logiche illegali dei prepotenti. Abbiamo prontamente segnalato gli episodi di inciviltà e delinquenza alla polizia municipale. L’area inoltre è infestata da parcheggiatori abusivi, alcuni addirittura prendono le distanze dal parcheggio selvaggio portato avanti dal locale che riduce le carreggiate di via Marina”.

“ Ci sono zone in città dove il malaffare è alla luce del sole – precisa Borrelli – ed è fiorente marciando contro tutte le regole. E’ necessario che certe aree siano particolarmente presidiate perché lo Stato deve far sentire la sua presenza. Non si può lasciare completamente campo libero ai delinquenti. E’ florido anche il commercio del parcheggio abusivo, i clienti del Ciottolo pagano la tangente ai numerosi parcheggiatori abusivi che affollano via Marina. E’ urgente intervenire per restituire al quartiere la legge dello Stato”.

Il Ciottolo non cambia. Ha sistemato di nuovo tavolini e sedie sulla carreggiata di Via Marina ed è pieno di #parcheggiatoriabusivi

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 13 ottobre 2019

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments