NAPOLI – Quella che sarebbe dovuta essere una grandissima opportunità, una manna dal cielo caduta per alleviare la fame di gloria e di riscatto di Napoli, si sta trasformando sempre più in un problema.

È un turismo selvaggio e mal governato, per usare un eufemismo, quello che sta investendo il capoluogo campano. In questo periodo prenatalizio orde di visitatori stanno invadendo le strade del centro storico rendendolo di fatto impraticabile per residenti e mezzi di scorrono.

Le immagini che arrivano da via San Gregorio Armeno, che sono state inviate al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, rendono bene l’idea del caos che sta avvenendo in città, soprattutto nel fine settimana.

“Quando il turismo non è governato e disciplinato accade questo, come avevamo preannunciato.” – dichiara Borrelli- “Certo fa piacere e riempie d’orgoglio vedere Napoli straripante di visitatori ma, se poi ci soffermiamo a riflettere, capiamo che così le cose non vanno nel verso giusto. Chi abita al centro è costretto ad essere ostaggio in casa propria mentre i mezzi di soccorso si vedrebbero ostacolati nel dover transitare in certe zone. Per questo occorrerebbe regolamentare gli accessi e la viabilità.Certo nell’ottica dei ristoratori e di chi gestisce strutture ricettive ci sono tantissimi vantaggi e ne siamo felici. Il fatto è che però l’economia napoletana non è fatta soltanto di pizzerie, trattorie, friggitorie e B&B ma ci sono tantissime attività, anche storiche, che sono ormai alla canna del gas mentre invece dovrebbero essere tutelare e godere di vantaggi se solamente i visitatori venissero maggiormente guidati ed istruiti. Napoli offre tantissimo, non soltanto i gustosi cuoppi di frittura. Se poi ci si allontana leggermente dal flusso turistico principale e si va nel decumano superiore, ad esempio, ci si imbatte nella desolazione totale. Se fossimo nel Far West, si vedrebbero le balle di rovi rotolare per le strade. Ecco come è la situazione. Un turismo di massa che va bene per pochi e pochi posti.”

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments