TURISTA

NAPOLI – “Una turista tedesca è andata a sbattere stamane nella selva di tubi innocenti che popolano l’ingresso della Galleria Umberto I dall’ingresso in cui morì il piccolo Salvatore Giordano 4 anni fa, in una domenica in cui la città è affollatissima di turisti. La donna è rimasta a terra a lungo sanguinante con palesi escoriazioni e perdite di sangue dal volto.

Dopo poco sono arrivati i soccorsi della Polizia Municipale e del 118.

Trasportata al Cardarelli sta effettuando una radiografia al naso ma, per fortuna, sembra non esserci nulla di grave se non una brutta botta. Questa volta è andata bene ma purtroppo la situazione della Galleria Umberto I resta molto grave. Tra aree transennate e venditori abusivi è veramente difficile godere le bellezze del monumento e soprattutto uscirne indenni. Un cantiere in piena regola, con gli spazi così ristretti che è difficile vedere dove finiscono i piedi. Siamo alla solita anarchia che impera in città.

Il salotto della città è ridotto in uno stato pietoso.

Tra ambulanti, vandali che distruggono ogni cosa compresi i rosoni da poco restaurati, commercianti che occupano anche aree non a loro assegnate. L’area è ad alto rischio per l’incolumità dei pedoni.

C’è il rischio che qualcuno si faccia male sul serio.

Bisogna intervenire con determinazione mettendo i cancelli che ne impediscano l’accesso di notte ed evitando l’invasione di abusivi e vandali. La nostra proposta è un super condominio tra i privati e il Comune di Napoli per trovare soluzioni rapide e condivise che evitino ulteriore degrado e abbandono della Galleria”.

Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi che era presente sul posto per realizzare un dossier sul monumento e per documentare i danni subiti dalla Galleria Umberto in seguito all’azione dei vandali che hanno distrutto i rosoni e scheggiato con martelli la pavimentazione e le mura interne e ha assistito la malcapitata turista straniera con i rappresentanti del Sole che Ride .

#Turista #straniera inciampa nei tubi innocenti della Galleria Umberto I e finisce in ospedale. #Dossier dei #Verdi: “ C’è il rischio che qualcuno si faccia male sul serio. Il monumento è invaso da abusivi e pieno di aree interdette a causa dei vandali. Oramai è un percorso ad ostacoli”.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 7 ottobre 2018

#Turistastraniera inciampa nei tubi innocenti della Galleria Umberto I e finisce in ospedale. #Dossier dei #Verdi: “ C’è il rischio che qualcuno si faccia male sul serio. Il monumento è invaso da abusivi e pieno di aree interdette a causa dei vandali. Oramai è un percorso ad #ostacoli”. “Una turista tedesca è andata a sbattere stamane nella selva di tubi innocenti che popolano l'ingresso della Galleria Umberto I dall'ingresso in cui morì il piccolo Salvatore Giordano 4 anni fa, in una domenica in cui la città è affollatissima di turisti. La donna è rimasta a terra a lungo sanguinante con palesi escoriazioni e perdite di sangue dal volto. Dopo poco sono arrivati i soccorsi della Polizia Municipale e del 118. Trasportata al Cardarelli sta effettuando una radiografia al naso ma, per fortuna, sembra non esserci nulla di grave se non una brutta botta. Questa volta è andata bene ma purtroppo la situazione della Galleria Umberto I resta molto grave. Tra aree transennate e venditori abusivi è veramente difficile godere le bellezze del monumento e soprattutto uscirne indenni. Un cantiere in piena regola, con gli spazi così ristretti che è difficile vedere dove finiscono i piedi. Siamo alla solita anarchia che impera in città. Il salotto della città è ridotto in uno stato pietoso. Tra ambulanti, vandali che distruggono ogni cosa compresi i rosoni da poco restaurati, commercianti che occupano anche aree non a loro assegnate. L’area è ad alto rischio per l’incolumità dei pedoni. C’è il rischio che qualcuno si faccia male sul serio. Bisogna intervenire con determinazione mettendo i cancelli che ne impediscano l'accesso di notte ed evitando l'invasione di abusivi e vandali. La nostra proposta è un super condominio tra i privati e il Comune di Napoli per trovare soluzioni rapide e condivise che evitino ulteriore degrado e abbandono della Galleria”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi che era presente sul posto per realizzare un dossier sul monumento e per documentare i danni subiti dalla Galleria Umberto in seguito all’azione dei vandali che hanno distrutto i rosoni e scheggiato con martelli la pavimentazione e le mura interne e ha assistito la malcapitata turista straniera con i rappresentanti del Sole che Ride .

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 7 ottobre 2018

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments