NAPOLI – Debutta a Napoli, domenica 4 dicembre, alle ore 11 (con una replica per le scuola lunedì 5, alle ore 10) lo spettacolo “La Sirenetta”, liberamente tratto dal capolavoro dello

scrittore danese Hans Christian Andersen, per la regia di Mario Mirabassi ed Alessandra Sciancalepore, quest’ultima autrice anche della drammaturgia.

Una produzione realizzata da Arterie Teatro di Molfetta e Tieffeu di Perugia che si inserisce nella nuova stagione di teatro per ragazzi, ideata e prodotta da Casa del Contemporaneo/Le Nuvole, I Teatrini e Progetto Sonora, d’intesa con il Comune di Napoli e la direzione della Mostra d’Oltremare.

Lo spettacolo, interpretato dalla stessa Alessandra Sciancalepore insieme all’attore e scenografo Leonardo Ventura, realizza una versione per attori e figure animate di quello che è unanimemente considerato il racconto più rappresentativo del genio letterario di Andersen. Qui, più che altrove, sono facilmente identificabili temi e riferimenti, anche autobiografici, che, per quanto celati dietro la finzione fiabesca, legano in maniera piuttosto esplicita questa celebre favola al suo autore.

“Amore, morte, sacrificio, solidarietà, diversità – sottolinea al proposito l’autrice e regista Alessandra Sciancalepore  – sono i grandi temi che Andersen dissemina nel suo straordinario racconto. Dagli abissi marini alla terraferma, la Sirenetta compirà un viaggio che comporterà la conoscenza del proprio corpo, il desiderio di cambiare e trasformarsi per amore, amore per la vita e dunque ancora più grande di quello fra un uomo e una donna”.

Un sentimento assoluto che è definito con estrema precisione proprio dal grande danese quando egli stesso scrive “Non ho voluto che la sirena guadagnasse un’anima immortale solo ed esclusivamente grazie ad un estraneo; grazie ai sentimenti di una persona esterna. Trovo che sia una morale sbagliatissima. Sembra che la conquista della salvezza eterna dipenda da una questione di fortuna, e io non sono assolutamente disposto ad accettare una visione simile. Io ho voluto che la mia sirenetta facesse una scelta, il che è molto più naturale. E molto più divino”.

In scena al Teatro dei piccoli di Napoli, con le figure e i pupazzi di Ada e Mario Mirabassi, i costumi di Emanuela Sciancalepore e Lorenza Menigatti, le scene di Leonardo Ventura, Mario Mirabassi ed Isabella Palmisan.

Biglietto unico 8 euro (7 per le scolastiche) con possibilità di CARD a 5 o a 10 ingressi a prezzo agevolato. La prenotazione è sempre consigliata ai numeri 3270795871 o 3333542754 o per email a info@teatrodeipiccoli.it.  Info: tel. 08118903126 e  www.teatrodeipiccoli.it

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments