“Abbiamo la grande opportunità di centrare un obiettivo importante e di proseguire il cammino in Champions”. Carlo Ancelotti parla alla vigilia del match decisivo contro il Genk in conferenza stampa.

Si comincia dalla sua attuale posizione da tecnico:

“Il mio unico pensiero ora è preparare al massimo la partita di domani.
Devo scegliere la formazione giusta e la strategia migliore per mettere in campo una squadra che sappia disputare una partita convincente”.

“Spero di avere risposte buone e di avere riflessioni positive dopo il match.
Sinora in Champions abbiamo fatto bene e una qualificazione sarebbe meritata. Passare il turno potrebbe anche darci lo stimolo per ripartire in campionato, dove purtroppo non siamo stati capaci di mostrare molto”.

Si sente in discussione?

“Essere in discussione in questa situazione per un allenatore è assolutamente normale. Ne ho già vissute in passato e chiaramente non mi spaventa una idea di esonero perché so che è nelle cose di calcio”.

“Io dico che se si verificano determinate condizioni è giusto andare avanti. Se non si dovessero verificare, allora sarebbe giusto dividere le strade. Sono certo che questo periodo negativo finirà ma non si può tirare troppo per le lunghe. Mi aspetto risposte nel breve, perché il momento va risolto”.

Zeman e Capello hanno parlato di lei come un tecnico di grande livello che sarebbe un errore allontanare:

“Non mi piace valutare il mio operato per quello che ho fatto in passato, io guardo sempre avanti e adesso va valutato il mio lavoro di oggi. E i calciatori in campo sono l’unico strumento che ho per dimostrare il mio valore”.

“Oggi il mio impegno mentale massimo è concentrato sulla partita di domani, il resto conta relativamente”

Ha parlato di una scintilla che servirebbe per riaccendere la squadra. Potrebbe accendersi domani questa scintilla?

“Potrebbe scattare in questa partita certamente. Ma non può bastare una sola gara per cancellare quanto di negativo abbiamo espresso in campionato. Ma certamente potrebbe essere un nuovo inizio verso una risalita”.

Sulla formazione: “Milik e Allan stanno meglio rispetto ai loro recenti infortuni. Vedremo nell’allenamento di oggi come si sentono e poi deciderò. Sono fiduciosi che possano essere tra i convocati”.

Che Napoli si aspetta domani?

“Mi aspetto una prestazione positiva e convincente come tutte quelle che abbiamo fatto in Champions. In questa competizione la squadra ha dato il massimo e quando il Napoli si esprime al massimo può competere contro chiunque”.

“Attualmenente la squadra è molto preoccupata per quello che non riesce a fare nonostante l’impegno. Questo non ci permette di avere la mente libera, come invece abbiamo avuto contro il Liverpool dove non eravamo certo favoriti. Vorrei che riuscissimo a recuperare la serenità mentale che si è smarrita dati i risultati negativi in campionato”.

“Personalmente sono convinto che faremo una grande partita e passeremo il turno, speriamo come primi…”

MERET

“Domani giochiamo una sfida fondamentale per la nostra stagione”. Alex Meret annuncia così la gara contro il Genk che può valere la qualificazione agli ottavi di Champions League

“Vogliamo ritornare alla vittoria e superare questo momento difficile. Dipenderà tutto da noi domani sera, abbiamo la nostra sorte in mano e desideriamo disputare una grande partita davanti ai nostri tifosi”

“Ci vuole la mentalità che ci ha caratterizzato nei match di Champions. Dobbiamo allontanare i pensieri negativi ed estranearci dall’ambiente esterno”.

“Bisognerà tenere il ritmo alto sin dall’inizio, ma soprattutto credo che sarà decisivo l’atteggiamento mentale. Una vittoria domani sarebbe importantissima per tutti. Vogliamo ripartire da un successo convicente”

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments