comicon

NAPOLI – Si è conclusa la XIX edizione di Napoli COMICON – Salone Internazionale del Fumetto che chiude i battenti con numeri da record: tre giorni su quattro sold out con 130.000 visitatori, più di 200 ospiti e oltre 600 eventirealizzati tra fumetti, cinema, serie tv, videogame, giochi di ruolo e performance live.Fumetto e Media: il Web, questo il tema dell’edizione 2017 di Comicon che ha ospitato artisti come il Magister Roberto Recchioni, gli scrittori Daniel Pennac e Maurizio De Giovanni, il mangaka Toyotaro e le star Liam Cunningham (Il Trono di Spade) e Rachel Keller (Legion).

 Undici le mostre organizzate tra cui ‘77 Anno Cannibale, visitabile al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli fino all’11 maggio.Più di 30 le proiezioni e le anteprime di cinema e serie tv: da King Arthur: il Potere della Spada al primo episodio di Fargo – stagione 3, da Alien: Covenant The Flash/Supergirl. Oltre 300 gli espositori che hanno partecipato nelle varie sezioni del festival: la grande area Fumetto, CartooNa, Gamecon, Comicon Kids, Asian Village, Neverland.“E’ stata un’altra edizione entusiasmante – commenta Claudio Curcio, direttore di Napoli Comicon –  che ha coinvolto decine di migliaia di ragazzi da tutta Italia che si sono goduti quattro giorni di libertà e divertimento in sicurezza, ma hanno anche visitato le tante mostre, come quella sul tema Fumetto e Web, curata insieme al magister Roberto Recchioni. Abbiamo contribuito anche al successo turistico del weekend del 1 maggio a Napoli e ne siamo orgogliosi, con un ricaduta economica sulla città che sarà sicuramente maggiore dei 13 milioni registrati lo scorso anno. Comicon è divertimento ma anche lavoro per quasi 500 giovani che permettono alla nostra macchina organizzativa di funzionare. A quanto apprendo, abbiamo contribuito anche a risanare i bilanci di Mostra d’Oltremare, che quest’anno ci ha imposto un forte aumento del canone di locazione e ha già anticipato un ulteriore aumento per il 2018 e per il 2019. Speriamo che il nuovo cda usi queste risorse almeno per migliorare i servizi e le condizioni dei padiglioni, unica nota stonata della nostra kermesse e di tutti i grandi eventi che si svolgono qui. Chiudiamo questa XIX edizione ma ci proiettiamo già al week-end del 1 maggio 2018, un anno che per noi segna il ventesimo anniversario. Per celebrarlo avremo come magister Lorenzo Mattotti, artista che era qui a Napoli ospite della prima edizione nel 1998 e che chiuderà idealmente i nostri primi vent’anni”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments