sanit-capri-capilupi-650x412

CAPRI- “Mancanza di pulizia e sicurezza, reparti nei fatti non funzionanti, farmaci scaduti, ambienti umidi e malsani…Lo scenario descritto nella relazione finale del servizio ispettivo dell’Asl Napoli 1 che ha fatto un controllo straordinario al Capilupi di Capri lascia senza parole perché sembra di leggere la cronaca di una visita in un ospedale di guerra”.

A denunciarlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “è assurdo che, in un ospedale, ci si ritrovi farmaci scaduti, compresa l’insulina, stanze piene di alimenti e fornelletti elettrici che potrebbero provocare incendi, il reparto di radiologia praticamente non funzionante, giusto per citare alcune delle anomalie segnalate dagli ispettori dell’Asl Napoli 1”.

“Sono stato sempre in prima linea in tutte le battaglie per sostenere il mantenimento della piena operatività del Capilupi perché sono convinto che serva un presidio sanitario a Capri per venire incontro alle esigenze dei capresi, ma anche dei tanti turisti che arrivano sull’isola” ha ricordato Borrelli per il quale “un ospedale in quelle condizioni, però, rischia di creare solo danni e peggiorare la situazione dei pazienti che arrivano”.

“E’ necessario intervenire subito in modo drastico, e con la massima attenzione, per ridare dignità a quell’ospedale perché, francamente, tenerlo aperto in queste condizioni è inconcepibile” ha concluso Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments