FINLEA

NAPOLI – “La messa in sicurezza del territorio è la vera emergenza nazionale e del Sud in particolare. Coniugare alla cura delle persone, quella dei territori è la chiave per colmare il divario crescente tra le aree del Paese in termini di opportunità e prospettive”. È questo uno dei messaggi lanciati durante il V Congresso regionale della Fillea Cgil, organizzato a Napoli e presieduto dal Segretario generale della Campania Giovanni Sannino. Una due giorni a cui partecipano delegati, rappresentanti istituzionali e anche il Segretario Generale della Fillea Nazionale Alessandro Genovesi, che ha parlato di un aumento del lavoro nero al Sud nell’edilizia del 7%, causato soprattutto dalla perdita di ispettori e di controlli.

“Cantiere x cantiere, fabbrica x fabbrica. Stesso lavoro, stesso contratto, uguali diritti”: questo lo slogan del Congresso dedicato alla sicurezza, alla riqualificazione e al lavoro in Campania. Durante la tavola rotonda moderata dal giornalista Dario Del Porto è stata illustrata all’Assessore regionale all’urbanistica Bruno Discepolo dal Segretario Sannino una vertenza per coniugare: riqualificazione del patrimonio edilizio esistente in termini urbanistici, tecnico-funzionali, energetici e di sicurezza con particolare attenzione alle aree marginali dei centri urbani e con il coinvolgimento dei cittadini. Hanno partecipato inoltre Alessandro Dal Piaz Urbanista, Domenico Tuccillo Presidente Anci Campania, Antonio Giordano Segretario Sunia Campania, Giuseppe Spadaro Segretario Generale Cgil Campania, Graziano Gorla Segretario Nazionale Fillea Cgil. La seconda giornata si è aperta con l’intervento del cantautore e giornalista Nando Misuraca:

“Voglio raccontare la storia di mio padre e con lui aprire uno spiraglio di sensibilizzazione su tutte le morti bianche. Ogni anno in Italia sono circa 150 le vittime nell’edilizia, nei cantieri, e con loro a morire sono anche le famiglie, propio come è successo a me Uno tsunami che ti cambia la vita per sempre”.

L’artista è figlio di Bruno Misuraca, geometra capo cantiere deceduto sul lavoro il 5 maggio del 1999 nel crollo di un cortile nel Rione Materdei a Napoli. Il musicista napoletano ha dedicato a lui e a tutti i caduti sul lavoro il nuovo singolo intitolato Anime bianche. Il videoclip è stato realizzato dall’etichetta indipendente Suono Libero Music con il contributo della CGIL Filleae presentato in anteprima durante il Congresso. Nel suo intervento conclusivo Sannino ha parlato di un nuovo modello democratico e partecipativo. I lavori non sono tutti uguali, bisogna scegliere con coraggio le priorità. I fondi di programmazione europea possono rappresentare un fondamentale volano di sviluppo per il rilancio del Mezzogiorno. E poi investire molto di più sulla ricerca di base”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments