De_Magistris_De_Luca

NAPOLI – “Nel “sistema Salerno” su cui sta lavorando la procura, che poi non è solo Salerno, risulta indagato per CORRUZIONE il presidente della Regione De Luca. Qui è superfluo richiamare il garantismo, perché essere indagato per chi conosce il codice di procedura penale non vuol dire nulla in termini di colpevolezza.
Per quanto ci riguarda il tema della questione morale di tipo penale è affidato alla magistratura. Certo le indagini e i procedimenti che hanno riguardato Vincenzo De Luca, da sindaco e da presidente, e suoi strettissimi collaboratori, sono tanti e anche per fatti gravi. Basta leggere le carte, quelle pubbliche, per capire l’enormità delle questioni da un punto di vista penale.
Poi esiste la questione morale a prescindere dai procedimenti penali e dalle eventuali e spesso sempre più improbabili, per vari motivi, condanne.
Per noi De Luca è l’antitesi della questione morale. Rappresenta “un sistema” di fare politica che è il contrario dei valori etici e costituzionali. In moltissimi lo sanno, diversi lo subiscono, altri lo tollerano, alcuni ne godono anche i benefici, quasi tutti, la storia politica lo insegna, ne prenderanno le distanze quando dalla “tirannide” si tornerà alla “democrazia istituzionale e politica”.
Poi esiste anche il silenzio dei “presunti colpevoli morali” ormai “affiliati politicamente” dopo il “patto del pollicione”. Ma questa è solo la meschinità politica della contingenza”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments