comune-san-giorgio-a-cremano-2

NAPOLI – Oggi si è riunita la Commissione Mensa composta da genitori e docenti degli Istituti Comprensivi di San Giorgio a Cremano per ragionare sul menù estivo da somministrare ai piccoli alunni delle scuole del territorio, a partire dal prossimo 21 marzo. Presenti all’incontro l’assessore Michele Carbone, la responsabile dei menù scolastici della Als Na 3 Sud, Dott.ssa Clotilde La Stella e il presidente della Commissione consiliare Scuola Alessandro Cilenti.

Al centro della riunione la formulazione condivisa delle pietanze che, dalla primavera saranno modificate rispetto a quelle distribuite finora, per  andare incontro alle esigenze di fornire sempre prodotti di stagione e idonei all’alimentazione dei più piccoli. Sul tavolo sono stati presentati nuovamente i parametri che la ditta si è impegnata a rispettare, secondo quanto stabilito dalla Asl:combinazioni alimentari, peso, qualità degli alimenti, rispetto della stagionalità e perfino pericolosità di alcuni alimenti, specialmente per i bambini dell’infanzia.“L’istituzione della Commissione Mensa e la sua convocazione periodica – fa sapere il sindaco Giorgio Zinno – rappresenta uno strumento di coinvolgimento dei genitori per garantire un servizio di refezione scolastica sempre più adeguato alle esigenze dei nostri bambini, ma è anche un segnale forte e tangibile  della massima attenzione che questa Amministrazione riserva alla scuola in tutta la sua realtà”.La Commissione mensa, infatti, tra le sue funzioni, ha anche quella di verificare la quantità, qualità e il livello di gradimento dei singoli piatti, il rispetto del menù e delle tabelle dietetiche vigenti, di proporre soluzioni migliorative dell’organizzazione complessiva del servizio.“Continua l’impegno dell’Amministrazione per rendere sempre più efficiente il servizio di refezione scolastica – dichiara l’assessore Michele Carbone  – Quest’organo democratico fortemente voluto dall’Amministrazione Zinno si pone come il momento più avanzato di un servizio importante e delicato, per le evidenti implicazioni con la salute di tutti gli alunni, anche per la prevenzione all’obesità, nell’ottica di una democrazia partecipata e condivisa”.Oltre alla variazione del menù estivo, durante l’incontro sono stati confermati il rispetto delle norme igienico-sanitarie dei locali e delle attrezzature utilizzate per la preparazione dei pasti, il trasporto e la distribuzione delle pietanze, livellati oramai su standard qualitativi di alto livelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments