SOMMA VESUVIANA – “Parte a Somma Vesuviana, patrocinato dal Comune, il Progetto “Mobilità Garantita” per le persone non vedenti o con difficoltà motorie, o persone anziane. Il progetto che, prevede la concessione in Comodato d’Uso di un veicolo appositamente allestito per il trasporto di persone con difficoltà motorie, è in sinergia con i soggetti privati del territorio e punta a promuovere forme di autonomia e inclusione sociale atte a favorire l’integrazione delle categorie svantaggiate della cittadinanza nella vita sociale della comunità”. Lo ha annunciato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana, nel napoletano.

“Il Progetto Mobilità Garantita – ha continuato Di SARNO – poggia le sue fondamenta nell’ambito della sinergia collaborativa tra Enti Pubblici, Associazioni di Volontariato e Aziende prevista dalla Legge Quadro 328/2000 per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali. Si tratta di un progetto che presenta contenuti ad alto valore etico e sociale, attorno ai quali si mobilitano le migliori risorse della comunità verso un obiettivo comune: consentire alle persone di partecipare attivamente alla vita della società, soddisfacendo il fondamentale bisogno umano di contatti e relazioni, colmando il divario tra le persone e spostando l’attenzione verso ciò che queste ultime possono fare, se le si mette in condizione di fare.”

Dunque si tratta di un trasporto esclusivo per persone non vedenti, o per persone che per ragioni fisiche, psichiche, terapeutiche, di anzianità si trovano in condizioni di limitate capacità motorie.

“L’Associazione Sportiva Disabili (ASD) “Real Vesuviana” si occuperà di curare il servizio di trasporto. Il veicolo rappresenterà per l’Associazione – ha affermato Giuseppe Fornaro, Presidente dell’Associazione e Consigliere Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – e per il territorio l’opportunità di ampliare il ventaglio dei servizi attualmente offerti ai cittadini secondo modalità che saranno successivamente comunicate agli interessati”.

Un buon esempio di collaborazione tra privato – associazionismo e pubblico.

“Sarà invece compito di PMG Italia Società Benefit – come ha spiegato Siano Taglialatela, Responsabile dei Rapporti con gli Enti – provvedere alla fornitura del veicolo specificamente allestito per il trasporto di soggetti fragili, nonché a tutte le coperture assicurative del caso e agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria che si renderanno necessari”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments