Presentata la Cargomar Rari Nantes Napoli, sabato il debutto in B

0
16
Rari Nantes Napoli 2019

NAPOLI – Sfiorata la promozione in A2 negli ultimi due campionati, la Rari Nantes riparte nel segno del rinnovamento. La squadra che sabato debutta in serie B agli ordini di Elios Marsili presenta infatti solo cinque confermati dalla passata stagione, con quattro nuovi innesti dal Posillipo, cinque dal Volturno e due giocatori tesserati da svincolati.

Una squadra assemblata tra gioventù ed esperienza, presentata al Circolo davanti a una nutrita platea di sportivi e appassionati.

A turbare il clima di festa, però, la notifica di sfratto pervenuta appena il giorno prima per la piscina gestita dalla famiglia Marsili a Poggioreale.

Inevitabile, per il presidente del Circolo Rari Nantes Napoli Giorgio Improta, inaugurare il proprio intervento lanciando un accorato e fermo grido di dolore: “Dopo vent’anni di attività per il sociale, i Marsili sono stati invitati ad andar via.

Dovrebbero essere considerati degli eroi per quello che hanno fatto in tutto questo tempo, per i ragazzi della periferia orientale che hanno accolto – raccogliendo gli appelli del comune – senza chiedere nulla in cambio, sottraendoli alla strada. E invece ora sono considerati occupanti ‘sine titulo’ di una piscina che hanno più volte rimesso in piedi a loro spese.

Non possiamo accettare una cosa del genere, non possiamo vedere mortificati gli sforzi di chi, come il nostro Circolo, si è sempre prodigato per questa città. A Napoli lo sport è negato e parlo a nome della Rari Nantes, ma immagino che diverse altre piscine e società siano nella nostra stessa situazione”.

Grido di dolore raccolto e amplificato dal vicepresidente Fin Francesco Postiglione: “Più volte con la Federazione abbiamo fatto battaglie per gli impianti, proponendo tante soluzioni non condivise. Il Circolo Rari Nantes trasuda tradizione e gloria sportiva, ci auguriamo che si dia risalto a questi valori nell’assegnazione della piscina. La Rari è una squadra blasonata, che si regge soprattutto sull’entusiasmo di persone come Elios Marsili e la sua famiglia e il mio augurio è che possa raccogliere in vasca i frutti del suo lavoro”.

Concetti condivisi dal presidente del comitato regionale campano della Fin, Paolo Trapanese: “La Rari Nantes è storia e tradizione della pallanuoto, culla di valori dello sport che sono stati esaltati sotto il suo nome e che devono essere tenuti in considerazione. C’è bisogno di fare squadra, di essere uniti perché quella della Rari è una battaglia che riguarda tutti. Io auguro alla squadra il meglio”.

Parola quindi alla delegata del sindaco al mare del comune di Napoli, Daniela Villani: “Recepisco l’istanza del presidente Improta e della Rari Nantes, il mio impegno sarà quello di dar vita a un incontro per risolvere la problematica delle piscine. Attorno al mare ci sono interessi contrapposti, circoli come la Rari sono una grande risorsa e dobbiamo fare squadra”.

Poi l’intervento di David Lebro, consigliere del comune di Napoli: “I circoli hanno salvato la tradizione del mare in questa città, nonostante siano ancora visti da qualcuno come strutture elitarie. Rappresentano un aspetto importante da valorizzare, invece le Universiadi sono state un’occasione mancata sotto questo punto di vista. Piange il cuore pensare che una piscina come quella di via Monfalcone, a cui sono molto affezionato, rischi ora di essere sgomberata e vandalizzata, proprio come accaduto al PalaStadera. Ben vengano i privati, ma devono essere complementari alle realtà che già ci sono e che funzionano, non devono sostituirsi ad esse”.

Dopo l’intervento di Agostino Felsani, che ha portato i saluti del presidente del comitato regionale del Coni Sergio Roncelli, spazio a Vincenzo Minieri, da quatto anni al fianco della Rari Nantes con la sua Cargomar: “Per me è un onore essere al fianco di un circolo glorioso, storico per la nostra Napoli. Se lavoriamo tutti insieme possiamo toglierci delle belle soddisfazioni. Ai ragazzi della squadra chiedo di portare in alto i valori che sono nostri, in primis il rispetto dell’avversario”.

Quindi il gemellaggio rinnovato con i ragazzi del Napoli Calcio a 5 (presenti Fernando Wilhelm e Pasquale Moccia) e l’intervento di Mariafelicia Carraturo, fresca primatista mondiale di apnea in assetto variabile con l’eccezionale misura di -115 metri: “Ai ragazzi della squadra dico solo di continuare sempre a sognare e di mettere nello sport la stessa passione che ci ho messo io. Se avessi dato ascolto alla mia famiglia o a chi mi sta intorno non avrei mai fatto questo record”.

Il 2019 per il Circolo Rari Nantes, peraltro, è un anno di grandi iniziative sul fronte sportivo, in primis con il lancio della scuola di sub e immersioni attraverso l’interessamento e la collaborazione di importanti professionalità del settore. L’obiettivo è quello di fare della Rari un centro tecnico di grande livello, punto di riferimento in ambito nazionale. In dirittura d’arrivo il via libera per la realizzazione della piscina a mare, mentre proseguono con soddisfazione i corsi di canoa e kayak. Altri progetti ambiziosi, poi, sono in cantiere per allargare la platea di sport e discipline fruibili dai soci e dagli appassionati.

Dulcis in fundo, la parola a Elios Marsili per raccontare aspettative e ambizioni della squadra in vista dell’esordio in B: “I valori tecnici sono inferiori agli anni precedenti, ma questo è un gruppo dagli eccezionali valori morali, una squadra in cui credo molto. Daremo filo da torcere a tutti, in casa e fuori. Sulla carta il nostro è un girone spaccato in due, con cinque squadre che lotteranno per il vertice e altre cinque per i piazzamenti dal sesto al decimo posto: proveremo a ben figurare, nonostante i problemi e le difficoltà che abbiamo anche per allenarci in maniera decente”.

Questa la rosa completa della Cargomar Rari Nantes Napoli: Massimo Coppin (portiere, 1997); Giuseppe Pezzullo (portiere, 2001); Giuseppe Caria (difensore, 1994); Ignazio Ciniglio, difensore, 1995: capitano); Paolo Pariso (difensore, 1977); Salvio Marrocco (difensore, 1973); Giuseppe Briganti (centrovasca, 1993); Fabio Busiello (centrovasca, 1988); Marco Fiorillo (centrovasca, 1997); Marco Napolitano (centrovasca, 2002); Tommaso Pasquariello (centrovasca, 1997); Lorenzo Pollio (centrovasca, 1999); Ciro Autiero (centroboa, 1992); Matteo Calì (centroboa, 2000); Antonio Fraioli (attaccante, 1997); Alessandro Tonacci (centroboa, 1997).

L’esordio dei rarinantini è fissato per sabato 12 gennaio alle 12.30 alla piscina Alba Oriens di Casoria contro il Basilicata 2000.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami