NAPOLI – Si stanno registrando temperature record in tutta Italia e a Napoli, come in tutti luoghi di cemento e asfalto, l’afa è diventa insopportabile. Purtroppo però si continua a credere che gli animali siano esenti dalla sofferenza per il gran caldo o, peggio ancora, vengono visti soltanto come ‘strumenti’ atti al lavoro e al divertimento degli uomini.

Accade così, come segnalato da alcuni cittadini al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, che sotto il sole cocente, dei cavalli, stremati dalla fatica e dal caldo, siano costretti a trainare delle carrozze per turisti nel Bosco di Capodimonte alle 3 del pomeriggio.

“Secondo un’ordinanza sindacale emessa dal Comune di Napoli nel 2014, i cavalli, dal 1° giugno fino al 15 settembre, non possono essere utilizzati per trainare vetture dalle 13 alle 16, cioè nelle ore più calde della giornata. Per questo abbiamo chiesto alla Polizia Municipale di verificare quanto accade e di sanzionare chi trasgredisce e anche di revocare la licenza a chi maltratta ripetutamente i poveri animali. Inoltre ci rivolgiamo anche ai turisti e ai cittadini: dobbiamo dire basta a questa vergogna, rispettare gli animali significa evolversi come società. Dopo l’episodio dello scorso anno alla Reggia di Caserta, dove un cavalo stramazzò al suolo, sfinito dalla fatica, certe cose non possono più essere tollerate.”. Le parole del Consigliere Borrelli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments