SAN GIORGIO A CREMANO (foto d’archivio) – Un’altra vittima, un’altra concittadina che paga il prezzo più alto di questa pandemia. San Giorgio a cremano piange l’ennesima vittima. Una cittadina contagiata dal coronavirus è deceduta ieri al Covid Hospital Loreto Mare a Napoli.

A darne notizia alla cittadinanza su Facebook il sindaco Giorgio Zinno: “Cari concittadini purtroppo vi devo dire che una paziente anziana da tempo in ospedale è deceduta presso il Loreto Mare. Ci lascia un’altra concittadina vittima di questo male che sta mietendo vittime in tutto il mondo.

Per quanto riguarda i tamponi, come avrete potuto appurare dalle notizie che arrivano dalla Regione aumentano quelli effettuati in Campania e oggi mi sento di ringraziare tutti quelli che sono tutti i giorni in trincea a lottare, mettendo a rischio la propria vita, perché pian piano si stanno cancellando i ritardi.

I risultati di oggi che riguardano il nostro territorio purtroppo ci fanno registrare altri 4 casi di positività, tra cui proprio una persona che è stata in prima linea, in trincea per tutti noi.

A lei ovviamente la vicinanza che mostriamo nei confronti di tutti coloro che lottano contro questo male e il ringraziamento della comunità per il lavoro finora svolto.

Pertanto i numeri dei positivi sono 26 , i decessi passano a 6 e i guariti diventano 3, dato che anche la professoressa di via Botteghelle che ho sentito poche ore fa, come sempre forte e determinata, è guarita. Con la professoressa i primi tre concittadini positivi al covid19 sono guariti.

Restiamo in attesa dell’ufficializzazione in poco tempo di altre guarigioni ancora non ufficializzate perché in attesa del secondo tampone negativo.

Continuano le attività di collaborazione con asl e protezione civile regionale, come sono ancora tanti i controlli anche in seguito alle segnalazioni che ci arrivano.

Il monito è sempre lo stesso, non abbassiamo la guardia, restiamo a casa altrimenti non riusciremo a debellare questo flagello di morte.

Un’ultimo avviso riguarda segnalazioni di persone che si presentano per conto dell’Amministrazione per consegnare mascherine o quant’altro. Non abbiamo avviato alcuna consegna a domicilio, ogni nostra attività verrà comunicata preventivamente dai canali istituzionali.

Teniamo duro, collaboriamo e arriverà la luce alla fine del tunnel!

Come avrete avuto modo di sentire, questi sono giorni cruciali per la valutazione del contagio, tanto che sono state prorogate tutte le misure fino al 13 aprile e si va verso la direzione di un’ulteriore proroga se il contagio non si fermerà.

C’É ANCORA CHI TRASGREDISCE E RESTA IN STRADA. Dai controlli effettuati dalle nostre Forze dell’Ordine é emerso che vi sono persone che escono più volte al giorno per comprare anche solo un articolo. Questo è un atteggiamento di assoluta irresponsabilità.

Chi agisce in questo modo mette in pericolo la salute di tutti e contribuisce al rischio di vanificare tutti i sacrifici compiuti finora.

Per tale motivo ho dato indirizzo alla Polizia Municipale di agire in maniera stringente elevando multe e denunciando chi tenta di fare il furbo!!

SI DEVE USCIRE SOLO PER MOTIVI DI REALE NECESSITA’, ED ANDARE AL NEGOZIO PIÚ VICINO ALLA PROPRIA ABITAZIONE, POSSIBILMENTE ENTRO I 200 METRI.

Ancora meglio é farsi consegnare la spesa o i beni che ci servono direttamente a casa.

Ieri gli agenti di Polizia Municipale hanno sanzionato due persone che erano venute a fare acquisti nella nostra città da un altro comune. Questo non è assolutamente possibile ed è da incoscienti.

Le forze dell’ordine effettueranno controlli ancor più stringenti. Non ci sarà tolleranza alcuna.

É necessario per contenere il contagio e tornare alla normalità.

Pensiamo e agiamo con responsabilità e coscienza.

#stiamoacasa. Non c’è altra soluzione”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments