NAPOLI – Un nuovo attacco di matrice razzista sui social vede ancora una volta protagonista la città di Napoli e i suoi abitanti. Il post spregevole è opera del consigliere comunale di destra di Pavia Niccolò Fraschini.
L’insulto è affidato a una storia apparsa sul proprio profilo privato Instagram, nella quale la città di Napoli viene vista come bersaglio principale nel caso di un’invasione di un Paese straniero.
“Abbiamo deciso di denunciarlo anche se purtroppo già in passato i giudici hanno deciso di assolvere altri soggetti politici che hanno espresso posizioni razziste e offensive verso i napoletani. Dopo lo striscione a Verone che dava le coordinate di Napoli per un attacco missilistico e il sindaco di San Benedetto del Tronto Antonio Spazzafumo che durante un consiglio comunale aveva detto “ma che è il Comune di Scampia questo o il Comune di San Benedetto del Tronto?” Una frase detta in modo spregiativo per giustificare alcune spese per l’ammodernamento degli uffici comunali adesso è toccato a un esponente politico di Pavia augurarsi che in caso di invasione straniera venga sacrificata la capitale del mezzogiorno. Dai tifosi agli amministratori pubblici è un crescendo di odio e cattiverie che ci fa capire il baratro culturale e sociale in cui siamo precipitati. Anche le scuse oramai ci hanno stancato. La verità è che questa gente veramente si augura il male dei napoletani e dei meridionali e lo fa in modo sempre più plateale e spavaldo” dichiarano il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli e il conduttore radiofonico Gianni Simioli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments