SAN PAOLO BELSITO – Non è stato convalidato il fermo di indiziato di delitto per il 38enne accusato dell’omicidio di Ylenia Lombardo, la donna di 33 anni uccisa e trovata semicarbonizzata nel proprio appartamento a San Paolo Bel Sito (Napoli).

Il GIP ha disposto, invece, una misura cautelare in carcere presso una struttura psichiatrica-giudiziaria, con osservazione di 30 giorni, per valutare la condizione psichica dell’uomo indiziato dell’assassino, fermato poche ore dopo il ritrovamento del cadavere della donna.

Lo rende noto l’avvocato Gavino Rescigno che insieme all’avvocato Vincenzo Meo, difende l’uomo.

Il 38enne, che durante l’udienza di oggi si è avvalso della facoltà di non rispondere, è già in cura presso un centro di igiene mentale, ed è accusato di omicidio aggravato ed incendio.

“Valuteremo tutte le opzioni – ha commentato Rescigno – alla luce della decisione del GIP e del fatto che sono emerse le problematiche psichiatriche dell’accusato”. (ANSA).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments