CASERTA – E’ arrivato a Caserta alle 13..00 circa, il ciclista Domenico Nese, ideatore del ciclotour di mille Km, denominato “Giro le vite spezzate” che è partito da Ogliastro, ieri 28 aprile, in occasione della giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro, che terminerà il suo tour il 17 maggio a Milano.

Ad accoglierlo nei pressi della Reggia di Caserta, nonostante le avverse condizioni metrologiche, oltre alle RSU/RLS della Uiltec di Caserta, il segretario regionale della Uiltec Daniele Aquilea, il segretario della cst Uil di Caserta Antonio Farinari ed il segretario organizzativo Pietro Pettrone, vi era un folto gruppo di studenti con alcuni docenti dell’ITS Buonarroti, dimostrando la loro sensibilità al tema che purtroppo, secondo una recente indagine statistica condotta dalla fondazione studi dei consulenti del lavoro, vede un aumento del 10,1 % degli incidenti sul lavoro con esito mortale. Al Sud Italia va il triste primato di maggior incidenza di infortuni mortali in occasione di lavoro e la provincia di Caserta si posizione al 4° posto con 4,4 morti ogni mille denunce di infortunio.

«Come organizzazione siamo impegnati in prima linea nel delicato tema della sicurezza sul lavoro – hanno spiegato all’unisono i vertici della Uiltec e della Uil confederale – iniziative come quella di oggi rappresentano occasioni per sensibilizzare in maniera leggera, ma efficace istituzioni e opinione pubblica su questo argomento per il quale è necessario che tutti facciano uno sforzo maggiore a tutela dei diritti e della sicurezza dei lavoratori».

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments