NAPOLI – Continua incessante e senza soste l’Operazione Alto Impatto a Frattaminore.

Dopo l’esplosione di diverse bombe ai danni di esercizi commerciali, il comune a Nord di Napoli è stato passato al microscopio dalle forze dell’ordine.

Ultima operazione in ordine di tempo quella di questa mattina che ha visto impegnati i militari del dell’arma dei carabinieri Nucleo Operativo della Compagnia di Giugliano in Campania e della Stazione di Frattamaggiore.

Alle prime luci dell’alba è scattato il blitz che ha dato esecuzione ad un decreto di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, a carico di 7 soggetti accusati a vario titolo dei reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi clandestine e ricettazione, tutti aggravati dalle modalità mafiose.

Le indagini, iniziate nel gennaio di quest’anno a seguito degli allarmanti episodi criminosi che hanno recentemente interessato i comuni di Frattamaggiore, Frattaminore ed Arzano, hanno permesso di evidenziare l’operatività di un gruppo criminale, organizzato e strutturato, che controlla le attività illecite nel Comune di Frattaminore, soprattutto nel mercato della cessione delle sostanze stupefacenti con la gestione di una fiorente “piazza di spaccio”.

Il cartello criminale ha dimostrato di avere, per altro, disponibilità di armi di vario genere, alcune delle quali rinvenute e poste sotto sequestro nel corso delle perquisizioni, pronte per essere utilizzate nell’ambito dell’attuale contrapposizione tra le diverse compagini delinquenziali presenti nell’area nord interessate ad imporre ciascuna la propria egemonia sul territorio della città metropolitana di Napoli.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments