tela_di_francesca_baldi

NAPOLI – Un connubio di arte, musica e assaggi della tradizione enogastronomica locale, questo è quello che il Santa Chiara Boutique Hotel propone per la presentazione di Migrà, il secondo disco del contrabbassista sommese Emanuele Ammendola e che inaugura una serie di eventi culturali ogni volta sapientemente organizzati dal gioiello dell’ospitalità partenopea, il Santa Chiara Boutique Hotel, nel cuore del centro storico di Napoli.

Migrà è  un disco  che nasce quindi dall’ esperienza personale del musicista che da tre anni vive a Milano e che quindi ha sperimentato sulla sua pelle l’esperienza di stare lontano da casa. Questo sua esperienza è   diventata un   momento di riflessione su quella che oggi è una delle tematiche sociali più calde e complesse del nostro tempo, la migrazione. L’album dal sapore folk jazz, è composto da otto tracce, tutte inedite tranne la cover di Briganti se more. L’album (i cui brani di cui  sette in lingua napoletana) è interamente autoprodotto, è stato realizzato grazie alla campagna di crowdfunding che ha contribuito concretamente  a sostenere ETNOS, l’associazione che si occupa di migranti , richiedenti asilo e senza fissa dimora sul territorio milanese.L’album Migrà, ancor prima della sua uscita ufficiale, ha collezionato già dei premi prestigiosi come il Premio Mia Martini 2016, il Premio Fest Med 2016, il Premio Ugo Calise Festival, di cui la premiazione si terrà il 23 settembre al Maschio Angioino ed è inoltre tra i 46 album selezionati per il Musicultura 2016 ed in gara alle semifinali del Premio De Andre’.Durante lo showcase,  Emanuele Ammendola proporrà i brani tratti dall’album, con lui ci saranno Luigi Esposito, (pianoforte e melodica),  Alberto Santaniello(chitarra), Emiliano Barrella (batteria), Pasquale Benincasa( percussioni).Ad arricchire la scenografia naturale del panorama mozzafiato ci saranno le donne  di Francesca Baldi, pittrice napoletana d’origine ma toscana d’adozione che ha scelto proprio la sua città natale per presentare un’anteprima della personale FEM/Men(Na), un viaggio omaggio di colore nel cuore delle donne di ogni dove. Anche questo un viaggio ma in pittura. Tutte le opere, fin dal principio, sono come dei racconti messi su tela in cui è l’artista stessa che parla di se’ e del suo vissuto con una ricerca continua nell’evoluzione dell’espressione surrealista. Il fil rouge  di questo racconto è naturalmente la donna vista nella sua nudità, scevra da qualsiasi maschera o sovrastruttura imposta dalla società, anzi spesso ricoperta o circondata da elementi naturali come elementi floreali, intrecci di rami, gatti o piume di uccello. Ed è nella natura che l’artista ricerca il suo universo e sviluppa un dialogo di complicità attraverso il colore che si impone attraverso guizzi vibranti e vivaci nel tappeto di quelli più caldi e rassicuranti dei toni della terra che spesso predomina nei fondali. Le immagini sono sempre sospese tra picchi di narcisismo che si esprimono nei soggetti forti e decisi ed involuzioni intimistiche in cui è la solitudine ad impadronirsi di quei corpi lasciati li a pensare tra le stanze con pochi suppellettili , mentre i pensieri sembrano scivolare nei lunghissimi capelli delle donne dipinte.
  Ancora un altro viaggio che non tradisce il filo conduttore dell’evento è quello nei visi raffigurati dall’ artista italo russo Alexandr Sheludko,  che tra l’altro è l’autore della copertina del disco.Gli ospiti saranno deliziati inoltre dalle specialità offerte dai partner dell’evento:   i Feudi di San Gregorio ed il suo DUBL e  Salumeria Upnea che proporrà l’esclusivo rinfresco con i prodotti della tradizione culinaria campana.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments