NAPOLI (di Raffaele De Lucia) – Brava Napoli! Bravissimi i cittadini della Campania!

I timori della vigilia di assembramenti pericolosi, pasquette improvvisate e gite fuoriporta sono risultati infondati. Napoli e la Campania hanno risposto presente aglli appelli a restare a casa per il bene di tutti e lo confermano anche i dati della protezione civile che parlano di contagi al disotto delle 100 unità da venerdì santo a Pasquetta.

Niente canzoni dai balconi, niente nenie dei fujienti alla madonna. La città è rimasta silenziosa per 48 ore. Strade vuote, Tangenziale spettrale, parchi, condomini e interi rioni deserti.

Una prova di maturità che di sicuro è costata tanta fatica ma che inizia a dare i suoi frutti.

Due i casi isolati in cui non si è rispettata la quarantena e il lockdown la celebrazione della veglia di pasqua a Scafati costata denunce e multe a circa 30 partecipanti e la festa improvvistata ai 600 alloggi a Monteruiscello nel giorno di Pasqua. Due peisodi sanzionati prontamente dalle forze dell’ordine e stigmatizzati sui social da sindaci e cittadini.

Per il resto pranzi casalinghi, grigliate sui balconi con piccole braci e quella compostezza che ha caratterizzato un popolo da sempre festoso e gioioso ma oggi consapevole di doversi fermare per il bene comune.

Ha funzionato la macchina della prevenzione messa in piedi dalla Prefettura con forze dell’ordine e esercito a perlustrare il territorio.

Pochi i verbali elevati per fortuna.

Insomma In questa pandemia, Napoli ha dato prova, se ce ne fosse bisogno, di saper soffrire, di sapersi abbracciare a distanza attraverso un cellulare oggi piu che mai utile strumento per dirsi Ti voglio bene.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments