come-innaffiare-i-pomodori

NOCERA INFERIORE – Al via lungo tutto lo Stivale, da qualche settimana la raccolta del pomodoro da destinare a pelati, polpe, passate, concentrato e sughi pronti con una riduzione stimata pari ad almeno il 9% rispetto allo scorso anno, anche per effetto dell’andamento climatico bizzarro.

E’ quanto stima la Coldiretti, sulla base delle prime indicazioni dell’associazione mondiale dei trasformatori di pomodoro, nel sottolineare che si tratta del primo raccolto che dovrà essere etichettato Made in Italy dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto interministeriale per l’origine obbligatoria sui prodotti come conserve e salse.

Le aspettative in Italia sono per un raccolto attorno a 4.750.000 tonnellate che coinvolge circa 7.000 imprese agricole.

Grazie alla nuova normativa nazionale non sarà piu’ possibile spacciare per Made in Italy i derivati del pomodoro importati dall’estero.

L’istituzione di un Tavolo Rosso, può dare una nuova prospettiva, attraverso la concertazione tra tutti i protagonisti della filiera, Ne è convinto Giuseppe Napolitano di Solania che nel giorno dell’Open Day svoltosi a Nocera spiega quale deve essere il progetto de “Il Mio San Marzano DOP”.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments