image_large

CASERTA- Confermato anche quest’anno il riconoscimento concesso dal Centro Orafo Il Tarì nell’ambito dei Premi di Laurea di Comitato Leonardo per premiare le ricerche di giovani studiosi o addetti del settore che, attraverso un’analisi della percezione del Made in Italy nel mondo, abbiano evidenziato le prospettive di crescita per il gioiello italiano.

Al vincitore del bando “Come evolve un distretto produttivo nella economia digitale. Il mercato del lusso: tech companies e store on line” sarà offerto un premio del valore di 3.000 euro, conferito dopo un’attenta valutazione della tesi. Tra i criteri per l’assegnazione: l’analisi della percezione del Made in Italy nel mondo, la valutazione dei punti di forza del settore orafo italiano e delle prospettive future e l’analisi del valore aggiunto fornito dal Tarì.Il Centro nasce nel 1996 da un’intuizione di un gruppo di giovani imprenditori napoletani. Operativo da ormai 20 anni, il Tarì rappresenta un punto di riferimento indiscusso nel mondo orafo nazionale ed internazionale e un simbolo di sfida imprenditoriale, di capacità organizzativa, di condivisione di obiettivi che ancora oggi non ha confronti nel mondo. Il tutto, legato ad un settore che esprime, a sua volta, il meglio della creatività italiana: il Gioiello. “L’esperienza dei nostri primi 20 anni di storia ci insegna che tutto, nel mondo dell’imprenditoria, cambia con grande velocità. E più ancora cambiano i consumatori. Il premio di Laurea che storicamente il Tarì supporta, grazie al Comitato Leonardo, ci offre l’opportunità straordinaria di misurarci con i giovani, e di cogliere a pieno la sensibilità, le nuove competenze e la visione innovativa del futuro che solo loro sono in grado di trasmettere” ha dichiarato Vincenzo Giannotti, Presidente del Centro Orafo il Tarì.L’iniziativa “Premi di Laurea” del Comitato Leonardo, avviata nel 1997, ha permesso nel tempo di premiare centinaia di giovani laureati e studiosi di altrettanti istituti universitari in tutta Italia, grazie alla preziosa collaborazione dei propri Associati. Il Comitato Leonardo, presieduto dall’imprenditrice Luisa Todini, nasce nel 1993 su iniziativa comune del Sen. Sergio Pininfarina e del Sen. Gianni Agnelli, di Confindustria, dell’ICE e di un gruppo d’imprenditori con l’obiettivo di promuovere l’Italia come sistema Paese attraverso varie iniziative, volte a metterne in rilievo le doti di imprenditorialità, creatività artistica, raffinatezza e cultura che si riflettono nei suoi prodotti e nel suo stile di vita.“Le nuove generazioni rappresentano il futuro motore della nostra economia e oggi abbiamo il dovere di valorizzarne il talento, un patrimonio dalle enormi potenzialità da tutelare ed incentivare” ha commentato Luisa Todini, Presidente del Comitato Leonardo “E’ anche con questo obiettivo che il Comitato Leonardo da XX edizioni promuove i Premi di Laurea: grazie a questa iniziativa stiamo contribuendo, nel corso degli anni, a supportare le idee più promettenti e a creare un ponte diretto tra Università e mondo del lavoro, sostenendo non solo i giovani di oggi ma gli imprenditori di domani.”In particolare, per aderire al bando del Centro Orafo il Tarì saranno necessari i seguenti requisiti: tesi di laurea specialistica con titolo conseguito successivamente al 01/01/2008 attinenti al tema. Inoltre,  per partecipare occorrerà inviare il modulo di partecipazione al concorso, la tesi in formato elettronico (CD Rom/USB), una breve sintesi (massimo 6 pagine) della stessa insieme ad una lettera di accompagnamento a firma del relatore e il CV completo del candidato alla Segreteria Generale del Comitato Leonardo (c7o ICE, via Liszt 21 – 00144 Roma tel. 06.59927990-7991 – fax 06 5923806) entro e non oltre il 6 novembre 2017.

Il bando integrale è consultabile sul sito http://www.comitatoleonardo.it/it/premi-di-laurea/premi-di-laurea-comitato-leonardo/premio-il-tari e http://www.tari.it/

La premiazione avrà luogo presso il Palazzo del Quirinale nel corso della cerimonia di conferimento dei Premi Leonardo alla presenza del Presidente della Repubblica.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments