NAPOLI – Avrebbe dovuto essere la giornata in cui il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, riferisse in Consiglio comunale l’avanzamento del “Patto per Napoli” siglato con il governo.

Ma l’assenza di Valeria Valente e Mara Carfagna, le consigliere di Pd e forza Italia che avevano richiesto la relazione del sindaco sullo sblocco dei 308 milioni di euro per finanziare alcuni progetti per lo sviluppo di determinati quartieri della città, ha cambiato il programma dell’assemblea cittadina.I lavori del Consiglio comunale sono stati comunque animati da una protesta arrivata a pochi metri dall’aula ad opera dei 106 operatori sociali dell’Osa, rimasti fuori dalla Napoli sociale e dalla Napoli servizi e disoccupati dal mese di settembre.

La seduta del Consiglio è terminata dopo il voto del Consiglio stesso di approvazione, a maggioranza, della delibera sull’adesione all’ente di ambito per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti illustrata dall’assessore competente, il Vice Sindaco Raffaele Del Giudice, delibera posta in discussione, prima degli altri argomenti, come proposto dal presidente della commissione Ambiente Gaudini (Verdi Sfasteriati) approvata a maggioranza dal Consiglio.

 

Precedentemente, il Consiglio aveva discusso di diverse proposte di sospendere i lavori a causa dell’impraticabilità dell’Aula per il forte odore di vernici impiegate per lavori di manutenzione in corso ed aveva approvato una rimodulazione dell’ordine dei lavori, proposta dal consigliere Mario Coppeto (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) con il rinviare alla prossima seduta degli argomenti iscritti, tra i quali la relazione del Sindaco sul Patto per Napoli. Il presidente Fucito aveva comunicato che la richiesta era anche pervenuta dalla consigliera Valente (PD), impegnata per oggi nei lavori parlamentari. Nel corso del dibattito sulla proposta, era stato verificato il numero legale, su richiesta di Santoro (Napoli Capitale), e accertato in 26 consiglieri presenti.
Subito dopo l’appello iniziale della seduta odierna, si erano svolti gli interventi su questioni urgenti. presieduti in alternanza dal Presidente Fucito e dal Vice Presidente Guangi. Sono intervenuti i consiglieri: Arienzo (Partito Democratico) sulla questione delle carenze nel servizio di refezione nella scuola elementare Cuoco; Nonno (Prima Napoli) sull’assistenza specialistica ai disabili nelle scuole e sulla necessità di garantire il controllo, in particolare durante le feste, all’interno della Galleria Umberto; Simeone (de Magistris Sindaco) che per decongestionare il traffico cittadino ha insistito sulla necessità di lavorare al regolamento sulla mobilità, gravemente compromessa anche dalla presenza di bus turistici e dalle linee extraurbane che effettuano fermate in città; Santoro (Napoli Capitale) che ha ricordato l’imminenza della fine programmata dei lavori a Cappella Cangiani e ha sollecitato il superamento della divisione di competenze tra assessorati in materia di patrimonio, che creano disorientamento nei cittadini, come avvenuto per il bando di un locale commerciale a via Tribunali; Esposito (Partito Democratico) per ribadire l’assoluta necessità della presenza dell’Assessore Calabrese in commissione per discutere del futuro dell’Anm; Rinaldi (Napoli in Comune a Sinistra) con l’appello alle istituzioni perché si approfondisca la vicenda che vede coinvolto il Governatore De Luca sul referendum consultivo e per ricordare che la figura di Fidel Castro resta importante al di là delle valutazioni che se ne possano dare; Coccia (Napoli in Comune a Sinistra) per sollecitare l’intervento del Sindaco in qualità di presidente del CdA del San Carlo sulla vicenda della dipendente del teatro impegnata quale consulente del Sindaco di Firenze per la riunione dei sindaci per il sì al referendum; Troncone (de Magistris Sindaco) che ha espresso sostegno alla decisione del Presidente della prima Municipalità sulla chiusura dei locali all’1.30, sollecitato una diversa organizzazione dei lavori delle commissioni consiliari, invitato ad avviare una ricerca di personale per rinforzare l’organico del servizio di Edilizia privata e a decidere, al di là dell’utilizzo sulle strade dove vengono eseguiti lavori di rifacimento, di vendere il porfido recuperato; Lanzotti (Forza Italia) per manifestare apprezzamento all’iniziativa di N’Albero, utile a portare flussi di persone in una zona scarsamente frequentata nei mesi invernali, per auspicare una mediazione tra gli opposti interessi coinvolti nella questione degli orari di chiusura dei locali a Chiaia, esprimere disagio sulla vicenda De Luca che mortifica quanti lavorano per le istituzioni rispettando le regole e ricordare, nel giorno del lutto per Fidel Castro, anche i tanti profughi cubani sparsi per il mondo; Quaglietta (Partito Democratico) che ha invitato l’Amministrazione a concentrarsi sui problemi della città invece di dedicarsi alla propaganda elettorale sul referendum costituzionale; Coppeto (Napoli in Comune a Sinistra) che ha espresso solidarietà al Sindaco in merito al presunto “dossieraggio” nei suoi confronti, invitando l’Amministrazione a confrontarsi rapidamente con la Regione in vista del 1 dicembre che vedrà il passaggio a questa delle competenze sullo Stadio Collana, onde evitare rischi o disagi nello svolgimento delle attività e in attesa di ricevere garanzie su un intervento di alto livello per riportare la struttura a livelli di qualità; Brambilla (Movimento 5 Stelle) che ha definito giusta la decisione di applicare le regole, peraltro già esistenti, in materia di chiusura dei locali a tutela della quiete pubblica, per ricordare che la richiesta di partecipare a tutte le commissioni avanzata dai consiglieri 5 Stelle è espressione di un diritto e come tale è stata riconosciuta, e per stigmatizzare il comportamento del Presidente della Regione sulla questione referendum che fa trasparire una mancanza di rispetto per le istituzioni.

 

{youtube}yETGOnflIAY{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments