NAPOLI – Sul sito dell’Agenzia della coesione è stato pubblicato il preliminare di Strategia dell’area pilota dell’Alta Irpinia. La Strategia Aree Interne prevede di intervenire in modo sperimentale nelle aree interne del paese con interventi che riorganizzano i servizi di base (scuola, salute, mobilità) e offrono migliori opportunità di lavoro per le persone e le imprese per invertire il trend demografico. L’Alta Irpinia è tra le prime in Italia e la prima area del Centro sud che ha concluso la prima fase di elaborazione della Strategia. E’ stato fatto un intenso lavoro da parte di tutta la filiera istituzionale coinvolta: i Sindaci dell’Alta Irpinia, il partenariato locale, gli uffici regionali, il Comitato Aree Interne e l’ex Ministro Fabrizio Barca, che ha avviato la strategia quando nel 2012 era ministro della Coesione Territoriale. La proposta dell’Alta Irpina è incentrata su una maggiore coesione tra le parti istituzionali del territorio e su una serie di interventi diretti a valorizzare il patrimonio ambientale, paesaggistico e culturale attraverso un’integrazione dell’offerta turistica locale,  la gestione e tutela attiva del patrimonio forestale, lo sviluppo del sistema agroalimentare e delle relative filiere; la creazione di più intense relazioni con i sistemi produttivi di eccellenza della zona (aereospaziale, agroindustria, artigianato di qualità); la promozione di collegamenti stabili tra l’imprenditoria locale e i centri di ricerca e trasferimento tecnologico, specie nel settore agricolo e agroalimentare. La Giunta regionale guidata dal Presidente Vincenzo De Luca, esprime soddisfazione per questo primo traguardo raggiunto e conferma l’obiettivo di garantire la massima attenzione alle aree interne nella programmazione 2014-2020.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments