terra-dei-fuochi

NAPOLI – Formare ‘detective ambientali’: è questo, nelle parole del prefetto Donato Cafagna, incaricato di Governo contro i roghi di rifiuti, l’obiettivo del corso di formazione integrata tecnico-giuridico-operativa in materia di tutela ambientale e di eco-reati, partito oggi nella prima delle sue quattro fasi.

Il corso è rivolto alle forze dell’ordine, alle polizie locali, ai vigili del fuoco, agli organi di vigilanza sanitaria e ambientale delle province di Napoli e di Caserta operanti, in particolare, nei comuni del Patto per la Terra dei Fuochi.I primi quattro percorsi formativi saranno avviati in contemporanea nelle sedi di Napoli, Aversa, Caserta e San Giuseppe Vesuviano, cui seguiranno, nel mese di aprile, quelli nelle sedi di Afragola, Castel Volturno, Giugliano e Nola e potranno contare, in qualità di docenti, sull’apporto dei magistrati delle Procure del Distretto giudiziario di Napoli.”É molto di più di un corso di formazione – ha detto Cafagna – e si rafforza un sistema integrato al contrasto dei roghi e dello smaltimento dei rifiuti”. Terminato il percorso, si sta già pensando a un presidio come sede operativa.

{youtube}K-gpJi3q6Es{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments