SOMMA VESUVIANA – Nella mattinata odierna il Prefetto di Napoli, Marco Valentini, si è recato presso il Comune di Somma Vesuviana per una visita istituzionale.
Il Prefetto è stato accolto dal Sindaco, Salvatore Di Sarno e da rappresentanti del Consiglio e della Giunta Comunale con i quali ha affrontato le tematiche più rilevanti dell’area cittadina di riferimento, situata nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, di origini antichissime, attestate anche da numerosi ritrovamenti archeologici.

In particolare sono stati trattati argomenti connessi alla situazione dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica nell’area di riferimento – di recente oggetto di ripetuti servizi di controllo congiunto tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza con modalità “Alto Impatto”, l’ultimo dei quali svoltosi in data odierna, finalizzati alla prevenzione ed al contrasto di ogni forma di illegalità – al potenziamento del sistema di videosorveglianza cittadino e alla situazione finanziaria dell’Ente.
Successivamente, il Prefetto ha visitato la Stazione dei Carabinieri di Somma Vesuviana, incontrando il personale impegnato quotidianamente sul territorio.

“E’ una scelta quella di stare sul territorio, visitare gli Enti locali in primo luogo per dare la disponibilità della Prefettura per il supporto delle Amministrazioni per le loro progettualità in termini di competenze, di scambio di buone pratiche

Oggi abbiamo parlato con il sindaco anche di un’iniziativa che la Prefettura sta portando avanti sugli atti intimidatori che alcune volte avvengono sui territori per fare accrescere le competenze, la condivisione. Il quadro di questo Comune, così come mi è stato rappresentato è un quadro abbastanza buono per quanto riguarda l’attività amministrativa. Noi ovviamente siamo naturalmente molto attenti anche sul versante della sicurezza perché negli ultimi mesi si sono verificati alcuni episodi sui quali sono in corso indagini ed abbiamo per questo rafforzato il controllo del territorio. Anche oggi si sta svolgendo un’operazione straordinaria di controllo sul territorio, lo continueremo a fare perché la sicurezza è una condizione che ci consente di far funzionare bene anche tutti gli impegni dell’Amministrazione sul piano economico e sociale”. Lo ha affermato il Prefetto Marco Valentini, poco fa in visita a Somma Vesuviana, soffermandosi con la stampa a margine del vertice in Comune. Erano Presenti il sindaco Salvatore Di Sarno, i consiglieri regionali Paola Raia e Carmine Mocerino, il deputato Gianfranco Di Sarno, il Capitano dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna, Marco Califano, il Comandante dell’Arma dei Carabinieri della Stazione di Somma Vesuviana, Alessandro Gambino, il Comandante del Corpo dei Vigili Urbani, Claudio Russo, il Presidente del Consiglio Comunale, Giuseppe Sommese in rappresentanza dei consiglieri.

Il sindaco ha consegnato al Prefetto la lettera degli operai della DEMA.

“E’ stato un momento di programmazione ed abbiamo comunicato al Prefetto quanto stiamo facendo sulla sicurezza, come ad esempio l’installazione di telecamere in punti nevralgici ed abbiamo parlato degli atti intimidatori che hanno colpito due cittadini di Somma Vesuviana. Con il Prefetto ho affrontato anche la problematica della DEMA. Ho consegnato nelle mani del Prefetto una lettera che mi è stata inviata dagli RSU di base – ha affermato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana – ed ho chiesto con una lettera di accompagnamento che venisse portata questa problematica su tutti i tavoli sia regionali che nazionali”.

Quella degli operai della DEMA di Somma Vesuviana è una lettera importante: “Il presente documento è il risultato di avvenimenti che non hanno precedenti – hanno scritto le RSU nella lettera inviata al sindaco – nella seppur lunga e tribolata storia di questa fabbrica. Già dal mese di Gennaio stiamo avendo problemi continui sui pagamenti degli stipendi con la seguente fenomenologia: a Gennaio lo stipendio è stato erogato in due tranche. A Febbraio lo stipendio fu annunciato in due tranche la prima ad inizio mese e la seconda dopo slittamenti è avvenuta l’ultimo giorno del mese. A Marzo il problema ha assunto proporzioni più grandi. L’azienda ha inizialmente stabilito un pagamento in due tranche di cui la seconda comprensiva degli arretrati relativi alla tredicesima. Senza alcuna comunicazione formale ai propri dipendenti, dal giorno 26 Marzo si è proceduto per comunicazioni informali alle RSU. La grande preoccupazione è il crescere di segnali che vanno nella direzione di una totale perdita di controllo della situazione”. Domani è previsto un importante incontro presso la sede dell’Unione degli Industriali.

“Io ho inviato anche una mia lettera di accompagnamento – ha continuato Di Sarno – nella quale ho descritto le mie preoccupazioni. Non possiamo, non vogliamo e non dobbiamo mandare a casa centinaia di famiglie e soprattutto non dobbiamo, non vogliamo e non possiamo farlo in questo momento drammatico per tutti ed in particolare per i ragazzi, per le nuove generazioni. Con quale coraggio parliamo di futuro quando poi mettiamo in crisi il presente, ciò che abbiamo oggi??”.

Al vertice erano presenti i consiglieri regionali Paola Raia e Carmine Mocerino e il deputato Gianfranco Di Sarno, componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati.

“Continua il lavoro di un tavolo iniziato la settimana scorsa, in Prefettura. Il Prefetto è stato disponibilissimo ad accoglierci insieme ai consiglieri Paola Raia, Carmine Mocerino e il sindaco Salvatore Di Sarno. Abbiamo subito fatto il punto della situazione sul territorio di Somma Vesuviana alla luce di alcuni eventi – ha dichiarato Gianfranco Di Sarno, deputato, componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati – che hanno suscitato grande paura tra la popolazione con il ritrovamento di ordigni nei pressi di soggetti che ricoprono dei ruoli economici sensibili quali un consigliere comunale ed un imprenditore del settore edile. L’Amministrazione Comunale si era già adoperata con l’installazione di una copertura omogenea di videosorveglianza. C’è stata e ci sarà anche nei prossimi giorni una massiccia presenza di Forze dell’Ordine sul territorio vesuviano e di Somma in particolare. Oggi abbiamo fatto il punto della situazione con il Prefetto che è venuto a verificare gli strumenti che in genere vengono adottati per il monitoraggio del territorio, per la sicurezza dei cittadini”.

Un incontro di fondamentale importanza!

“Abbiamo bisogno di presenze tangibili, di presidi a lungo termine, abbiamo bisogno che si stinga il cerchio quanto prima e per questo ringraziamo il Prefetto della Sua vicinanza – ha affermato Paola Raia, Consigliere Regionale della Campania – dell’averci accolto in Prefettura e soprattutto di essere stato così veloce nel portare la sua presenza nella città di Somma Vesuviana. Ci auguriamo di proseguire tutti insieme questo lavoro e di essere sempre uniti per la città di Somma Vesuviana”.

Una prosecuzione del tavolo avviato in Prefettura sulla sicurezza del territorio.

“Quello di oggi è la prosecuzione di un incontro che abbiamo avuto in Prefettura e ringraziamo sua eccellenza il Prefetto per averci raggiunto subito a Somma per fare il punto della situazione nella consapevolezza che la sicurezza è uno dei temi più sentiti giustamente dalla cittadinanza – ha dichiarato Carmine Mocerino, Consigliere Regionale della Campania – ed è naturale che le istituzioni facciano tutto quanto nelle loro possibilità per assicurare serenità, tranquillità e sicurezza alla cittadinanza, ai propri cittadini. Ci saranno sicuramente delle azioni che verranno messe in campo e che saranno concordate dall’Amministrazione Comunale, i rappresentanti istituzionali ed il Prefetto. Siamo molto fiduciosi dell’esito di questo incontro e chiaramente poi speriamo che al più presto sul territorio se ne incomincino a vedere i primi frutti”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments