17.7 C
Napoli
sabato 10 Dicembre 2022

Amedeo Colella inaugura il cartellone della Sala Molière

-

POZZUOLI – La dodicesima stagione del Teatro Sala Molière (ARTGARAGE – Via Bognar 21 – Pozzuoli), inizierà ufficialmente sabato 8 (ore 21,00) e domenica 9 ottobre (ore 19,00) con lo spettacolo “Se so rotte ‘e giarretelle” di e con Amedeo Colella, insieme alla musica di Francesco Cuomo. Lo spazio è quello nato dal sodalizio artistico e di vita tra Nando Paone, attualmente direttore artistico, e la compianta Cetty Sommella, a dimostrazione del fatto che, come ha dichiarato lo stesso Paone, “A Pozzuoli il teatro c’è”.

Una partenza che registra già nella prima serata il sold out visto l’alto gradimento suscitato dagli studi accattivanti del napoletanista e scrittore semi serio Amedeo Colella e da una vera full immersion nella cultura della città. Ci si può divertire con la storia del regno di Napoli? E con la storia della musica napoletana? Pare di sì, passeggiando tra gli aneddoti, le curiosità, le leggende, le più divertenti canzoni, i “paraustielli” del professore e la musica di Francesco Cuomo, sperando che … “non si rompano le giarretelle!!”. Se avete qualche lacuna culturale sulla “napoletanità”, se non vi siete mai chiesti perché si usa dire “se so’ rotte ‘e giarretelle” oppure non conoscete i nomi degli otto Re di Napoli rappresentati dalle statue all’esterno del Palazzo Reale, è arrivato il momento di recuperare grazie ad un intellettuale che sorride, esperto di modi di dire e di fare all’ombra del Vesuvio, e che vi assicura «ne vedrete delle belle…».

PROGRAMMA STAGIONE 2022/2023

22 e 23 Ottobre

“Io che ho amato solo Te – Monogamia Familiare”

con Roberto Cardone e Gianluca Cangiano

regia di Niko Mucci

Una commedia sulla scelta di essere monogami, una divertente riflessione sulla possibilità nella nostra epoca di avere una sola relazione stabile e continuativa.

12 e 13 Novembre

“Un’ora di Niente”

di e con Paolo Faroni

Un testo scritto dal medesimo “Un’ora di niente”, dove l’attore si esibisce in un monologo comico sul conflitto tra natura e spirito, tra eccezionalità e quotidianità, tra bisogni e sogni e di come tutti questi conflitti trovino nell’amore il loro campo di battaglia.

17 e 18 Dicembre

“Transleit – Ebbanesis in Concerto”

con Viviana Cangiano e Serena Pisa

Il duo, fenomeno web ma con tanta sostanza musicale, porta in scena, con lo spettacolo che dà anche il titolo al secondo album, un sunto della sua maestrìa e del suo repertorio, rappresentando “lo spettacolo di Natale”.

14 e 15 Gennaio

“Il Grande Inquisitore – Action One”

Da “I Fratelli Karamazov” di F. Dostoevskij

con Roberto Azzurro

regia e adattamento Sergio Sivori

musiche Tom Tea

Un dialogo surreale a cui fa da sfondo la Spagna del Seicento e la Santa Inquisizione. L’attore è stato già altre volte ospite gradito della Sala Molière.

21 e 22 Gennaio

“Quando c’era LEI”

di Alberto Mele e Marco Montecatino

con Marco Montecatino

Un divertente spaccato autobiografico.

4 e 5 Febbraio

“Mamma, Ma’! “

di Massimo Andrei

con Daniela Ioia

Uno spassoso monologo firmato da Massimo Andrei, dove l’attrice interpreta varie tipologie di donne madri.

11 e 12 Febbraio

“Marguerite”

di e con Cristina Donadio

musiche di Marco Zurzolo

Tratto dal romanzo dell’autrice “L’amante”.

4 e 5 Marzo

“Alcesti”

di Viola Lucio, regia di Zoe Pernici

con Serena Ferraiuolo

Una figura di donna che prende spunto dalla mitica Alcesti di Euripide, rivista in chiave attuale e leggera.

1 e 2 Aprile

“Napoli, grandi autori e qualcuno di stramacchio”

di Benedetto Casillo

con Benedetto Casillo, Enza Barra, Luciano Piccolo

Un viaggio di piacere nel Teatro napoletano dalla tradizione alla nuova drammaturgia, da Petito a Moscato, incontrando Russo,Viviani,Di Giacomo,Totò e De Crescenzo.

15 e 16 Aprile

“La Mortaccia – Favola di Lus e Ombrena”

regia di Antonio Grimaldi

con Annarita Vitolo

Da Pasolini morto a Pasolini vivo. Dalla lingua italiana al dialetto romano (mortaccia) e friuliano (lus/ombrena).

6 e 7 Maggio

“Rumore di Fondo”

con Gea Matire

musiche di Ivo Parlati

regia Nadia Baldi

Un concerto elogio alla speranza. Un racconto di orfani speciali: orfani di femminicidio. L’attrice è un altro importante, gradito ritorno nel teatro di Pozzuoli.

La prenotazione è necessaria e possibile solo inviando un messaggio su WhatsApp oppure scrivendo alla pagina facebook.

Costi

Abbonamento per 12 spettacoli euro 110,00

Biglietto singolo euro 12,00

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x