NAPOLI – Torna al successo la Carpisa Yamamay Acquachiara dopo due sconfitte consecutive. Vittoria importante per la classifica e per il morale, ma soprattutto gratificante: la squadra di Porzio l’ha ottenuta in condizioni di emergenza per l’assenza dello squalificato Krapic e per le condizioni precarie di Lanzoni, che ha trovato comunque il tempo e modo di essere utilissimo alla causa. L’ex bogliaschino è stato tra gli artefici del sorpasso biancazzurro nel primo tempo (da 2-3 a 5-3)

con una magia che ha propiziato il secondo gol di Cupic e un’azione in contropiede che ha portato alla rete del 5-3 realizzata da Barroso.Da quel momento la squadra di Porzio non è stata più raggiunta dagli avversari e progressivamente ha aumentato il vantaggio nonostante la valanga di espulsioni subite. Ci ha messo del suo un Lamoglia double-face: incerto nella prima parte di gara, a tratti davvero insuperabile nella seconda.Mattatori dell’incontro in fase di realizzazione Vojislav Cupic e Alberto Barroso: alla fine ha vinto il serbo 4-3, ma in realtà il risultato della sfida è 4-4: Barroso, infatti, ha tolto dalla porta di Lamoglia il gol del possibile 11-10 che avrebbe potuto mettere nei guai l’Acquachiara nel finale. Un salvataggio che vale un gol fatto, in questo caso anche di più.Si diceva dell’assenza di Krapic: Federico Lapenna ha dovuto fare gli straordinari al centro e c’è riuscito egregiamente. Ha segnato due gol (splendido il primo), ha conquistato rigori in cooperativa con Robinson (uno gli è stato negato dagli arbitri) e superiorità. A proposito, l’Acquachiara ha chiuso con un eccellente 6/7 e con un 6/18 con l’uomo in meno. Del Basso è riuscito a timbrare il cartellino anche oggi, peccato per Emanuele Ciardi che, tradito da un rimpallo, non ce l’ha fatto a finalizzare un 2 contro 0.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments