Barbara_Damiani_e_Barbora_Baranovicova

NAPOLI – E’ giunta a Napoli venti giorni fa per diventare più brava come pallanuotista, e ha scelto l’insegnante giusta: Barbara Damiani, con la quale ha in comune – oltre al grande amore per la pallanuoto – la passione per la lettura. Divoratrici di libri.Barbora Baranovicova, 16 anni, nazionale slovacca nonché prima straniera della storia della Carpisa Yamamay Acquachiara, a Napoli può coronare anche un sogno che nel suo Paese non è riuscita ancora a realizzare:

“Vorrei conoscere Marek Hamsik”.In Slovacchia l’ha visto giocare con la maglia della nazionale, qui a Napoli ha imparato ad amarlo anche con la casacca azzurra: “Lo vedo in tv praticamente tutti i giorni”.Si, perchè la graziosissima Barbora da quando indossa la calottina dell’Acquachiara vive ad Afragola a casa degli zii, dove esiste un solo comandamento: “Ama il Napoli tuo come te stesso”.  Lo praticano Antonio Codianni, il padrone di casa, e suo figlio Vincenzo con la benevola benedizione della signora Gabriella. E’ slovacca anche lei ed è la sorella di Jan, il papà di Barbora. “Da quando sono diventata la signora Codianni,  a casa mia non si fa altro che parlare del Napoli. E per forza di cose sono diventata tifosa anch’io, soprattutto da quando c’è Hamsik”.Il mondo è piccolo, anche quello della pallanuoto. Si scopre che Gabriella Baranovicova, maritata Codianni, è un’amica d’infanzia dello slovacco Roman Polacik, forse il più forte centroboa di tutti i tempi, campione d’Italia con la Canottieri Napoli nel 1990 e successivamente compagno di squadra nel Posillipo di Franco Porzio, il presidente di Barbora Baranovicova.Ma non è per questo motivo che Barbora si è innamorata della pallanuoto. Suo padre Jan è l’allenatore del Klub Vodneho Kupele, la squadra di Piest’any, la città dove è nata la giovanissima giocatrice dell’Acquachiara. Campionessa di Slovacchia a livello assoluto e pluricampionessa nelle categorie giovanili, Barbora ha lasciato a casa anche un fidanzato, Dominic. L’aiuteranno a combattere la nostalgia le sue sue nuove compagne di squadra: “Mi trovo benissimo con tutte, mi hanno accolto con grande affetto. E Barbara come allenatrice è il meglio che potessi trovare”.Il 7 marzo Barbora farà 17 anni. Inutile chiederle cosa vuole come regalo di compleanno. Soltanto Marek Hamsik può accontentarla.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments