NAPOLI – La curva del Covid continua la discesa.

Oggi in Campania il bollettino dell’Unità di Crisi segnala 2.295 positivi su 24.709 tamponi. Guarite 2.162 persone cifra che pareggia quasi quella dei positivi.

2.141 gli asintomatici, mentre i sintomatici si attestano a 154.

Ancora alto il numero dei decessi ben 54, 28 deceduti nelle ultime 48 ore e 26 deceduti in precedenza ma registrati ieri.

Oggi il rapporto tamponi/positivi in Campania si conferma sotto il 10%, 9,28 per l’esattezza.

Questo il bollettino di oggi:

Positivi del giorno: 2.295
di cui:
Asintomatici: 2.141
Sintomatici: 154
Tamponi del giorno: 24.709

Totale positivi: 160.569
Totale tamponi: 1.639.868

​Deceduti: 54 (*)
Totale deceduti: 1.818

Guariti: 2.162
Totale guariti: 56.177

* 28 deceduti nelle ultime 48 ore e 26 deceduti in precedenza ma registrati ieri

​Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656
Posti letto di terapia intensiva occupati: 162
Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (**)
Posti letto di degenza occupati: 2.041

** Posti letto Covid e Offerta privata

Rischiano un provvedimento disciplinare che contempla anche il licenziamento i sanitari del Cardarelli di Napoli che la sera dello scorso 10 novembre non attivarono un percorso “ad hoc” per Eliana, una donna di 42 anni, all’epoca dei fatti positiva al Sars-Cov-2, affetta dalla sindrome di Down e non autosufficiente, che in ospedale c’era andata con mamma e sorella a causa di gravi problemi di deglutizione. Non solo.

La sua vicenda finirà proseguirà con una denuncia alla Procura di Napoli annunciata dalla mamma, che è la tutrice di Eliana, la quale ritiene che la figlia sia stata legata al letto. La Commissione Disciplinare dell’azienda ospedaliera, in una comunicazione fatta pervenire ai familiari di Eliana, ritiene possibili, al termine di una indagine interna, “gravi comportamenti suscettibili di rilevanza penale a carico del personale” che “impongono un coinvolgimento degli organi giudiziari preposti”.

“Ho riconfermato il servizio di presidio sanitario con ambulanza, medico, soccorritori e autista. E’ un servizio totalmente gratuito per il cittadino e che ha salvato la vita alle persone. Ringrazio di cuore i meravigliosi volontari della Misericordia per l’eccellente lavoro che stanno facendo. Dall’11 Novembre al 2 Dicembre, il presidio sanitario istituito dalla mia Amministrazione ha effettuato ben 120 interventi di cui 60 a casa e 10 ospedalizzazioni. Siamo stati i primi ad avere organizzato un servizio esclusivo per l’assistenza a casa dei malati Covid del nostro paese. A me arrivavano telefonate drammatiche di persone in crisi d’aria e che aspettavano ore il 118. Non ho esitato un attimo ed ho voluto questo servizio per la mia città. Il 16 Novembre sono stati effettuati ben 21 interventi”. Lo ha annunciato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano.

Dunque è attiva solo sul territorio di Somma Vesuviana, nel napoletano, l’ambulanza con equipe socio – sanitaria formata da due infermieri, medico e autista, solo ed esclusivamente per assistenza sanitaria ai cittadini affetti da Covid e che comunque avvertono sintomi seri. E’ stata allestita una mini – sala operativa al piano terra, presso la sede del Municipio ed è stato attivato il numero verde 800 – 261.487 al quale è possibile chiamare gratuitamente e dalle ore 11 alle ore 23 mentre prima era dalle ore 12 alle ore 24. Ricevuta la chiamata, il medico procede con una consultazione a distanza ma in caso di necessità parte con l’ambulanza per assistere a domicilio il paziente e valutare il suo ricovero in pieno coordinamento con il 118.

Ecco come funziona il servizio ambulanza domiciliare:

“Sono veramente degli angeli i volontari della Misericordia – ha proseguito Di Sarno – perché ho visto in loro una profonda umanità. Sono persone che lasciano a casa i loro problemi e quando varcano la soglia della sala operativa che abbiamo allestito al piano terra del Palazzo Municipale, pensano solo ed esclusivamente ad operare per il bene degli altri. Ho visto in loro amore, affetto per le persone. Anche andare a casa e fare una carezza è davvero importante. Io inoltre ringrazio la stampa che ha raccontato una storia positiva dal mio paese, piena di volontariato e di bene. Il servizio funziona in modo molto semplice in quanto ricevuta la chiamata al numero verde 800 – 261.487, il medico valuta l’eventuale necessità di assistenza a casa ed anche il ricovero. E’ un servizio esclusivo per i cittadini di Somma Vesuviana risultati positivi al Covid”.

Non solo l’ambulanza ma è attivo il servizio Psicologia – Emergenza Covid19.

“Somma Vesuviana è anche capofila del progetto “Psicologia – Emergenza Covod19” per l’ambito 22 che comprende anche i Comuni di Brusciano, Marigliano, Mariglianella, San Vitaliano e Castello di Cisterna.

Presso l’Ufficio alle Politiche Sociali diretto dalla dott.ssa Iolanda Marrazzo, abbiamo un team di psicologi che risponde al telefono – ha continuato Di Sarno – o anche via Skype grazie ad un account appositamente attivato. Dall’inizio della pandemia sono avvenuti più di 200 colloqui. L’obiettivo è quello di non lasciare da soli i cittadini che siano minori o adulti. Abbiamo pensato anche agli anziani e alle persone con disabilità per le quali abbiamo attivato il servizio di telesoccorso”.

In pandemia vola la differenziata a Somma Vesuviana.

“Non si arresta la crescita della raccolta differenziata che stiamo effettuando a Somma Vesuviana con particolare successo, abbiamo raggiunto il 71% di differenziata – ha dichiarato Salvatore Di Sarno – e da subito abbiamo attrezzato una raccolta esclusiva per i positivi al Covid. Infatti il Giovedì oltre alla tradizionale raccolta abbiamo anche la raccolta Covid i cui rifiuti vengono trattati da personale specializzato”.

La situazione attuale a Somma Vesuviana:

“A Somma abbiamo registrato negli ultimi 3 giorni, 54 nuovi positivi con una curva che sembrerebbe rallentare, 186 nuovi guariti. Attualmente abbiamo 453 positivi attivi di cui 18 ricoverati in ospedale e 54 persone in sorveglianza sanitaria. Ricordo il rispetto delle norme: non è possibile nei bar e nei ristoranti consumare al banco o ai tavoli ma è possibile solo ed esclusivamente l’asporto. C’è divieto assoluto di riunioni all’aperto – ha concluso Di Sarno – e al chiuso e di cortei, c’è divieto di assembramenti, c’è l’obbligo di mascherina sempre. Nei negozi bisogna provvedere alla sanificazione settimanale degli ambienti e all’igienizzazione dei carrelli spesa e postazione cassa ben 2 volte al giorno. Inoltre bisogna settimanalmente esporre all’esterno la certificazione attestante la sanificazione. A Somma Vesuviana restano chiusi gli edifici scolastici di ogni ordine e grado con didattica a distanza per tutti. E’ possibile uscire solo per motivi di comprovata necessità e con autocertificazione. Chiusi anche tutti i circoli ludici e ricreativi, chiusa la Biblioteca Comunale e chiusa Piazza Europa”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments