NAPOLI – Un regolamento di conti, la punizione per una «alzata di testa» in un’area dove il potere del clan è ancora forte. Si parte da questa ipotesi per ricostruire il movente dietro l’omicidio avvenuto nel primo pomeriggio di ieri a Ponticelli, a pochi passi dall’Ospedale del Mare.Manca un quarto d’ora alle 14, c’è ancora la luce del sole. Giovanni Ardu, 42 anni, è con Salvatore Solla, 63 anni.

Il più giovane ha dei precedenti per reati contro il patrimonio, l’altro invece è pregiudicato per estorsione, usura, violazioni in materia di stupefacenti. Sono in auto, in viale Decio Mure Console Romano, a pochi passi dall’Ospedale del Mare. Sono nel Lotto O, il feudo del clan De Micco. Forse stanno aspettando qualcuno.La dinamica resta ancora da chiarire, ci penseranno nelle prossime ore gli investigatori della Squadra Mobile di Napoli, coordinati dal dirigente Fausto Lamparelli.Certo è che qualcuno, forse a bordo della minicooper ritrovata a poca distanza con la carrozzeria bucata da due proiettili, si avvicina alla vettura dove ci sono i due, punta una semiautomatica nell’abitacolo e spara. Forse, questa una delle ipotesi al vaglio, c’era un appuntamento che poi si è rivelato una trappola.Il sicario preme il grilletto numerose volte, verranno poi rinvenuti undici bossoli. Ardu viene centrato da quattro colpi che lo feriscono alle gambe e a un polso, le pallottole non ledono punti vitali.Solla, invece, muore nell’ospedale Villa Betania, nonostante un’operazione chirurgica d’urgenza: sei proiettili lo hanno raggiunto in pieno torace.

{youtube}LuTxe0xNtnM{/youtube}

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments