Nas

NAPOLI – In queste ore gli ispettori del Ministero della salute e i Carabinieri del Nas, arrivati al Loreto Mare alle 11 di stamattina, stanno raccogliendo informazioni e documenti per contribuire a fare chiarezza sulla morte di Antonio Scafuri con l’obiettivo di rispondere alla sacrosanta richiesta di verità arrivata dalla famiglia e dagli amici”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, presente al Loreto mare all’arrivo dei Carabinieri e degli ispettori inviati dal ministro della salute, Lorenzin.

“Ora è il momento di aspettare l’esito delle indagini aperte dalla direzione generale dell’Asl, dalla direzione sanitaria dell’ospedale e dalla Procura della Repubblica, oltre che quelle degli ispettori e dei Carabinieri” ha aggiunto Borrelli per il quale “quei risultati, insieme a quelli dell’autopsia, daranno un quadro più chiaro di quel che è successo quella maledetta notte in cui è morto un giovane e, finalmente, sapremo se quella vita poteva essere salvata o se è stato ucciso da comportamenti irresponsabili o, peggio ancora, colpevoli”.“Oggi ho di nuovo parlato con il padre che mi ha detto di essere sereno in attesa dei risultati e che non cerca vendetta ma solo verità e giustizia” ha concluso Borrelli sottolineando che “la famiglia ha chiesto che l’autopsia sia fatta quanto prima per permettergli di svolgere i funerali di Antonio”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments