bimba-down-abbandonata-ninna-ho-policlinico-federico-II-napoli

NAPOLI – «Uscire da questa pandemia è una parte della sfida, sapremo infatti di aver assolto al nostro compito solo se avremo garantito assistenza ai pazienti Covid senza privare di cure quanti da sempre combattono contro altre patologie». Anna Iervolino, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, commenta così l’avvio dell’innovativo sistema di telemedicina ideato per garantire assistenza ai giovani pazienti affetti da diabete, preservandoli da una maggiore esposizione al rischio di contagio.

“Telesalute”, questo il nome del servizio che partirà lunedì 6 aprile, consentirà ai 500 giovani pazienti diabetici seguiti dal centro di Diabetologia Pediatrica della Federico II di effettuare le visite di monitoraggio a distanza, ottenere la prescrizione di esami o di presidi per il monitoraggio. Sempre tramite internet sarà possibile ottenere la rimodulazione dei piani terapeutici e anche procedere al monitoraggio e alla gestione della terapia, all’aggiornamento della cartella clinica e tutto ciò che serve per una corretta gestione della patologia.

«Oltre ad un enorme impegno profuso per la gestione della crisi – conclude Anna Iervolino – puntiamo a garantire la continuità delle nostre prestazioni assistenziali. Un lavoro che facciamo con grande impegno e del quale voglio ringraziare tutto il nostro personale».

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments