NAPOLI – La Città Metropolitana di Napoli aderisce alla Giornata Mondiale della Fibromialgia, in programma domani, 12 maggio, che prevede, tra l’altro, che vengano illuminati di viola monumenti, piazze e sedi istituzionali per accendere un faro su questa sindrome dolorosa e invalidante, non ancora riconosciuta in Italia sebbene colpisca circa 3 milioni di persone, nel 90% dei casi donne.

Questa è una delle iniziative – insieme con ‘Ad Maiora’, il docu-film uscito il 9 maggio scorso – che l’Associazione CFU Italia odv (Comitato Fibromialgici Uniti) ha lanciato in vista della giornata mondiale per quella che è stata definita la ‘malattia invisibile’. Una patologia le cause della quale non sono state ancora chiarite, ma i cui malati non hanno diritto alle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale, nonostante la sintomatologia invalidante: dai dolori muscolo-scheletrici diffusi all’affaticamento, dalla rigidità alle parestesie, dall’insonnia a una limitata esecuzione delle normali attività giornaliere.

In occasione della Giornata Internazionale, l’Associazione ha chiesto la collaborazione delle Istituzioni per promuovere l’adesione alle azioni di sostegno al ddl 299 – il disegno di legge che sancisce il riconoscimento da parte del SSN della fibromialgia e l’inserimento nei registri LEA, i Livelli Essenziali di Assistenza – che prevedono anche una raccolta di firme.

All’iniziativa hanno aderito oltre 200 Città, sei Regioni, la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments