dscn1774

NAPOLI – E’ stato approvato con delibera di Giunta il Piano Triennale di Azioni Positive 2017-2019, presentato dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, in collaborazione con il CUG – Comitato Unico di Garanzia.Il piano si prefigge di perseguire obiettivi di pari opportunità in ambito lavorativo, rimuovendo il disequilibrio tra le presenza femminile nelle attività e nelle posizioni gerarchiche, laddove sussiste un marcato divario tra i generi.Il Piano Triennale di Azioni Positive per il Comune di Napoli è un atto obbligatorio per legge ai sensi dell’art. 48 del dgl 198/2006 , in conformità al dettato costituzionale e con le direttive dell’unione Europea in materia di Pari Opportunità.Il Piano prevede diverse azioni positive che riguardano in particolare:

 

-Analisi qualitativa e percezione delle condizioni lavorative del personale, con riferimento al benessere organizzativo;

-Azioni contro la violenza nei luoghi di lavoro, con l’istituzione di un centro di ascolto e della figura della consigliera di fiducia;

-Azioni sulla conciliazione tra lavoro familiare e lavoro professionale , prevedendo sportelli informativi sulle recenti leggi e l’individuazione di appositi locali, in alcune sedi del Comune, da adibire a baby pit-stop sia per i propri dipendenti che aperti alla cittadinanza;

-Azioni di sperimentazione di forme flessibili di organizzazione del lavoro per le/i dipendenti e sperimentazione di progetti pilota di smart working.

-Agenda digitale con lo sviluppo di servizi per la Pubblica Amministrazione per il miglioramento dell’impiego femminile e della conciliazione vita-lavoro, ovvero un’agenda di genere che consenta di migliorare l’accesso ai servizi pubblici da parte delle donne;

-Il bilancio di genere che integra il bilancio dell’Ente in chiave di genere

-Azioni di sensibilizzazione per l’utilizzo del linguaggio non discriminatorio.

“Un atto dovuto ed una buona pratica che abbiamo fatto subito nostra, anche grazie all’instancabile azione del CUG” ha dichiarato l’Assessora Daniela Villani.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments