NAPOLI – Prosegue la scia di morte che nelle ultime 24 ore ha visto morire animali innocenti. Dopo la brutale storia del gatto tramortito da un 13enne a Casoria, ecco arrivare una nuova barbarie.

A Marianella, VIII municipalità di Napoli, come segnalato da un video reso pubblico dal consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Borrelli, un gabbino sarebbe stato catturato e impiccato a un cavalcavia.

Il video girato da alcuni cittadini è subito diventato virale.

La povera bestiola è stata lasciata penzolare per ore attaccata al cappio che gli è stato stretto al collo. Nelle ultime ore dopo una serie di denunce si stanno esaminando i filmati della videosorveglianza per risalire agli autori del barbaro “gioco” forse finito anche sui social.

“Ennesimo atto di violenza ai danni di un animale. Un cittadino ci ha segnalato una scena macabra: a Marianella, VIII Municipalità di Napoli, ad un ponte sarebbe stato impiccato un gabbiano.

Una scena macabra e insensata, orribile per quanti, in quel lasso di tempo, hanno attraversato quella strada.

Purtroppo stiamo registrando una deriva di violenza contro gli animali da parte di sciacalli frustrati che riversano odio e violenza contro essere indifesi gratuitamente e insensatamente.

Prima il gatto di Casoria, ora questo. Abbiamo segnalato questo episodio alle forze dell’ordine nella speranza che possano individuare i responsabili di questo orrore ed assicurarli alla giustizia. Ricordiamo a tutti che, come previsto dall’articolo 544 bis del Codice Penale, per chi ammazza un animale è previsto il carcere”.

Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.

https://www.facebook.com/watch/?v=1718015495019763

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments