NAPOLI – La zona rossa nel campo rom della Circumvallazione esterna di Scampia a Napoli parte da oggi e andrà avanti fino al 13 dicembre, salvi ulteriori provvedimenti per l’evoluzione della situazione epidemiologica.

L’ordinanza della Regione Campania prevede che i cittadini aventi residenza, domicilio o dimora nel Campo Rom hanno il divieto di allontanamento dalle proprie abitazioni, fatte salve esigenze sanitarie o connesse all’acquisizione di generi di prima necessità ed è vietato il transito in ingresso e in uscita dall’area.

Il transito è consentito agli operatori sanitari e socio-sanitari, del personale impegnato nei controlli e nell’attività di assistenza per le attività di pulizia e sanificazione.

Nell’ordinanza è previsto che il Comune di Napoli, d’intesa con l’Unità di Crisi regionale e con il supporto della Protezione civile e del volontariato, assicuri ogni forma di assistenza ai cittadini anche attraverso la somministrazione di derrate alimentari e generi di prima necessità per tutta la durata del provvedimento.

La ASL Napoli 1, d’intesa, ove necessario, con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, assicura la prosecuzione delle attività di controllo sanitario a tutta la popolazione interessata dal provvedimento, dando comunicazione degli esiti all’Unità di Crisi regionale per le valutazioni.

L’ASL assicura anche all’interno del Campo, una postazione fissa per attività di ambulatorio di assistenza medica di base. Il primo allarme sul focolaio del campo rom era emerso il 28 novembre, quando l’Asl Napoli 1 ha comunicato di aver dovuto porre in isolamento 28 abitanti, di cui 18 positivi. L’indagine epidemiologica si è allargata e l’1 dicembre su 65 tamponi effettuati erano risultati positivi 29 abitanti del campo rom, dato che aveva portato al tampone di massa di tutti gli abitanti che ha portato poi all’istituzione della zona rossa

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments